Finale 3° posto

Italia – Spagna 9-8

Italia: Del Lungo, Di Fulvio 1, S.Luongo 2, Fondelli 1(R), E.Di Somma, Alesiani 1, N.Presciutti 1, Echenique 3, Figari, Napolitano, Bruni, Dolce, Nicosia.
All. Alessandro Campagna
Spagna: Spagna: Lopez Pinedo, Munarriz 1, Granados, Famera 1, Sanahuja 1, Larumbe, Barroso 1, Fernandez, Cabanas, Perrone, Mallarach 3, Bustos 1, Aguirre.
All. David Martin
Arbitri: Ohme (GER), Zwart (SUI).
Parziali: 2-2, 0-2, 3-1, 4-3
Note: uscito per limite di falli nel IV tempo Larumbe (S). Ammonito per proteste nel III tempo David Martin (Ct Spagna). Superiorità num. Italia 5/13, Spagna 3/11.

Debrecen – Parola d’ordine: riscatto. E così è stato. Certamente l’Italia non ha sfoderato una delle sue migliori prestazioni, ma buttando il cuore oltre l’ostacolo ha conquistato una vittoria che vale l’accesso alla Superfinal di World League che si disputerà a Tblisi dal 26 giugno al 2 luglio.
Un inizio di gara che ha fatto ben sperare, ma gli iberici non si sono lasciati prendere dal panico chiudendo in parità il primo quarto, nonostante una buona difesa specie in inferiorità, ma in avanti c’è ancora da affinare la mira, specie in superiorità.

E’ il Settebello che si smarrisce nel secondo periodo: Spagna molto concentrata, decisa a prendere il largo: Sanahuja e Barroso portano le furie rosse sul doppio vantaggio, mentre gli azzurri restano al palo. Si riparte, dopo l’intervallo lungo, ma cambia la musica: Luongo e Alesiani cancellano il -2, ma il “solito” Munarriz cambia ancora le carte in tavola. Ci vuole la caparbietà di “Stezza” Luongo per riequilibrare il risultato.
Tutto in bilico nell’ultimo tempo: due “botta e risposta” (Echenique e Bustos, poi Nicholas Presciutti e Famera), quindi il primo doppio vantaggio azzurro. Impeccabile Fondelli nel trasformare un cinque metri, Echenique raddoppia. Accorcia Mallarach, ma sarà troppo tardi.

Al Ct Campagna «E’ piaciuta la doppia reazione».
Sua la spinta decisiva per la svolta finale: «Dopo la partita di sabato giocata al di sotto del nostro livello e dopo il secondo tempo di oggi, ho cercato di infondere coraggio ai ragazzi - continua Campagna - Nel terzo tempo si è visto il nostro gioco e abbiamo vinto di due gol di scarto. Echenique l'ho preservato dopo i due falli gravi e nel finale ha trovato la grande soluzione da fuori. La qualificazione vale l'opportunità di giocare sei partite importanti prima delle Olimpiadi. In vista dei Giochi dovremmo sostenere una preparazione estiva molto impegnativa».

Gli altri risultati

Finale 7° posto


Croazia – Francia 17-5

Croazia: Bijač, Macan 1, Fatović 3, Dobud 2, Joković 2, Bukić 3, Burić, Bušlje 1, Miloš 1, Vrlić 1, Benić 1, Garcia Gadea     2, Popadić.
All. Ivica Tucak
Francia: Dubois, Saudadier, M.Vernoux 1, Caumette, Missy,  T.Vernoux 1, Crousillat 1, Babic, Marzouki, Canonne 2, Vanpeperstraete, Camarasa, Fontani.
All. Nenad Vukanic
Arbitri: Garcia (SUI), Horvath (SVK)
Parziali: 4-0, 4-1, 5-2, 4-2

Finale 5° posto

Ungheria – Serbia 7-9

Ungheria: V.Nagy, Angyal 2, Manhercz 1, Sedlmayer 1, Á.Nagy 1, Hosnyánszky 1, Német, Jansik 1, Erdélyi, Kovács, Mezei, Vigvári, Vogel.
All. Tamas Marcz
Serbia: G.Pijetlovic, Mandic, Dedovic 1, Randelovic, Gogov, D.Pijetlovic 2, Vico, Drasovic 2, Jaksic, Filipovic 2, Prlainovic 1, Rasovic 1, Mitrovic.
All. Dejan Savic
Arbitri: Byelyevtsov (UKR), Voevodin (RUS)
Parziali: 1-2, 2-2, 2-1, 2-4

Finale 1° posto

Montenegro – Grecia 7-12

Montenegro: Lazović, D.Brguljan, Radović, Petković 1, Popadić, Perković 1, Vidović, Ukropina 1, Ivović 3, Spaić, Matković 1, Banićević, Kandić.
All. Vladimir Gojkovic
Grecia: Zerdevas, Genidounias, Skoumpakis, Kapotsis 1, Fountoulis 3, Papanastasiou 2, Dervisis, Kanakakis 2, Mourikis 2,  Kolomvos, Gkiouvetsis, Vlachopoulos, Galanidis.
All. Theodoros Vlachos
Arbitri: Alexandrescu (ROU), Naumov (RUS)
Parziali: 2-3, 1-4, 3-4, 1-1

 

10 / 01/ 21