Autore

Lo scorso fine settimana, approfittando della mancanza di impegni ufficiali sia per le squadre maschile che femminile, la pallanuoto bogliaschina è stata ugualmente grande protagonista.
L'evento, coordinato dai tecnici Stefano Begni e Carola Falconi (portiere e capitano del Bogliasco Bene) e dal direttore sportivo Pierangelo Vignati, rientra all'interno del vasto progetto Waterpolo Ability, nato da qualche anno con l'intento di sviluppare una disciplina praticamente assente in Italia. Un programma a lungo termine che sta già portando i suoi primi frutti, come si è
avuto modo di vedere in questi giorni a Bogliasco.Per quattro giorni tredici atleti hanno avuto modo di allenarsi non solo nelle
strutture utilizzate dai campioni bogliaschini, ma di farlo al loro fianco, apprendendo consigli e insegnamenti dalla viva voce dei tecnici delle prime squadre, Daniele Bettini e Mario Sinatra, e di sfidarli in vasca in un paio di gare amichevoli.
“Con l'appuntamento di Bogliasco – spiega il Commissario Tecnico Begni - concludiamo un anno ricco di eventi nei quali il progetto ha fatto un bel salto in avanti, suscitando molto interesse a livello nazionale. Il 2017 sarà altrettanto significativo. Vedrà la nascita di un campionato sperimentale, suddiviso in tre giornate, e continueremo i contatti con alcune nazioni che hanno mostrato interesse verso la disciplina”.
Ad aiutare Begni in vasca e fuori, oltre a fare gli onori di casa, c'era Carola Falconi, da qualche mese nominata vice CT del progetto Watepolo Ability: “L'aiuto di Carola – prosegue Begni – è stato preziosissimo, sia dal punto di vista tecnico che umano. Ha dato veramente tanto ai ragazzi. Grazie a lei abbiamo inserito nel programma di allenamento due sedute di palestra dove lei stessa ha illustrato una serie di esercizi che i ragazzi dovranno ripetere quotidianamente. Tutto ciò mi ha permesso di riscontrare diversi miglioramenti sia dal punto di vista tecnico che tattico, rispetto ad aprile dove avevo lavorato principalmente sulla tecnica individuale. In questa occasione abbiamo cercato di curare di più la tattica di gioco e i risultati si sono visti nelle amichevoli svolte. Tutti i ragazzi si sono impegnati moltissimo e i due nuovi, Alessio e Nicolò, si sono inseriti subito splendidamente nel gruppo”.
Anche il giudizio di Falconi, sull'esperienza vissuta, non può che essere positivo: “Questo collegiale – assicura il capitano bogliaschino – è stato solo il primo di una serie di eventi che ci poniamo di organizzare con cadenza regolare ogni anno. L'obiettivo finale è quello di creare una nazionale paralimpica di pallanuoto, ma per arrivarci dobbiamo procedere per gradi. Ecco perché è importante dare un seguito a questi quattro giorni, appena sarà possibile. La vera difficoltà, tuttavia, sarà quella di trovare una data e una piscina disponibile all'interno di un calendario fittissimo”.
A capitanare questa squadra composta in larga parte da teenager, pur con qualche matura eccezione, è Tommaso Ielmini, giovane pallanuotista di Busto Arsizio da oltre due anni membro del team: “Sono stati giorni bellissimi – commenta entusiasta - abbiamo avuto l'opportunità di giocare contro i campioni del Bogliasco, gente che milita in Serie A, dopo esserci allenati assieme a loro e con i loro tecnici. Sono sensazioni stupende che non capitano certo tutti i giorni. Adesso non vediamo l'ora di ripetere l'evento. Passare tanto tempo assieme ci insegna a conoscerci meglio. Questa volta con noi c'erano anche due nuovi innesti, che si sono integrati subito alla perfezione nella nostra squadra. Cresceremo ancora”.
Per Tommaso la soddisfazione è stata poi doppia quando ha saputo che il sindaco di Bogliasco Gianluigi Brisca, dopo aver invitato tutta la squadra alla cerimonia di accensione dell'albero di Natale di Piazza XXVI aprile, aveva concesso a lui l'onore di schiacciare l'interruttore che ha dato luce al grande abete: “E' stata una gran bella sorpresa – conferma – io non sapevo niente fino alla sera prima. E' davvero una grande emozione salire su un palco davanti a tanta gente che non ti conosce eppure ti applaude con calore”.
Il progetto Waterpolo Ability prende forma e Bogliasco, non solo quella sportiva, è in prima linea per favorirne lo sviluppo.

14 / 12/ 16