La FIN si prepara a festeggiare il campionato numero 100: certamente un traguardo importante per la nostra pallanuoto. Ma poco condiviso da molti club, che, ad onor del vero, devono subire una formula che svalorizza la parte finale del campionato con una Final 6 dal poco appeal.
Abbiamo ancora negli occhi la finale del passato campionato: giocata a Siracusa, alle 16 del pomeriggio, con un centinaio di spettatori sugli spalti. Certamente una defaiance inaspettata, ma all’azzardo di stare seduti sotto un sole straordinariamente cocente, simpatizzanti e non hanno preferito trascorrere la domenica pomeriggio in altre situazioni. Contrariamente a quei poveri addetti ai lavori che, gioco forza, si sono dovuti sistemare alla bell’e meglio per non essere cotti come uova sode insieme ai loro computer. Solo l’abnegazione dei tifosi di casa ha avuto il sopravvento: molto stoicamente hanno riempito la gradinata per supportare una finalina che ha spalancato all’Ortigia le porte dell’Europa.
E non andò meglio due anni orsono a Torino, dove nonostante un impianto di prim’ordine, il caldo si fece sentire abbondantemente.

Quello che dovrebbe “essere pensato” potrebbe essere un ritorno alle origini: ma difficilmente l’ostracismo federale darebbe spazio ad una maggiore  visibilità in nome di un sacrificio “azzurro” fatto di collegiali ed una attività troppo frenetica. La domanda: per poi arrivare dove?

Così con grande mestizia il 13 ottobre (ricordiamo che il giorno prima ricorre l’anniversario caro ai genovesi, la scoperta delle “Meriche”) ci scopriamo nuovamente tutti in piscina a fare i tifosi: e saremmo oltremodo curiosi di volerci contare.
Saranno sempre 14 le squadre che parteciperanno al campionato (troppe a nostro modesto avviso); il girone di andata termina il 12 gennaio, mentre quello di ritorno il 18 maggio. Poi la scellerata Final 6 che però quest’anno ci risparmia la finale per il 5° posto. Piccolo passo avanti.
Quindi l’ultima in classifica scenderà in A2 mentre, con ancora un play out che potrebbe comodamente essere evitato, si aggiungerà a questa un’altra squadra. Final 6 e play out in vasca dal 23 al 26 maggio.  
Queste le gare in programma il 13 ottobre:

RN Savona-RN Florentia
Roma Nuoto-Sport Management
CN Posillipo-Nuoto Catania
Bogliasco 1951-Pro Recco
SC Quinto-Pallanuoto Trieste
CC Ortigia-SS Lazio Nuoto
AN Brescia-CC Napoli

Al link il calendario completo


 

Anche il movimento rosa prende il via lo stesso giorno dei maschi: quest’anno però non ci sono rinunce. Saranno dieci le squadre che parteciperanno al massimo campionato che chiuderà l’andata il 19 gennaio e la regular season il 4 maggio. Anche la femminile si adegua alla maschile con la formula finale:  Final 6 dal 10 al 12 maggio.
Così la prima giornata:

Bogliasco 1951 - F&D H2o
SIS Roma - Rapallo PN
CS Plebiscito PD - CSS Verona
Cosenza PN – Orizzonte CT
NC Milano - RN Florentia

Al link il calendario completo




 
09 / 08/ 18