Autore

Valentina Vezzali è stata nominata sottosegretaria allo Sport. Il grande sconfitto è Paolo Barelli.
La scelta di Mario Draghi, che si era tenuto la delega allo sport, è stata ufficializzata oggi in consiglio dei ministri. Valentina Vezzali è una "tecnica", anche se ha avuto una carriera politica, come deputata di Scelta Civica. Una delle più grandi schermitrici della storia: sei ori olimpici,16 mondiali, 13 europei. Portabandiera ai Giochi di Londra 2012. Una grinta in pedana che è passata allo storia. Un carattere vincente. Anche come deputata ha dimostrato la sua volontà di ferro: si è impegnata su molte iniziative, presentando anche un disegno di legge per inserire gli insegnanti di educazione motoria nelle elementari, cercando di aprire una breccia nello sport a scuola, da sempre dimenticato in Italia.  

La Vezzali è una poliziotta, cura il settore giovanile della scherma delle Fiamme Oro. Stimatissima dall'ex capo della polizia, il prefetto Franco Gabrielli, ora sottosegretario ai Servizi: Valentina fece proprio la festa di addio alla scherma nel Circolo della Polizia in Lungotevere, a Roma. Volto noto, ha partecipato anche a Ballando con le Stelle.
La sottosegretaria Vezzali goderà di sicuro della più totale fiducia del mondo dello sport. E' una di loro. In molti d'altronde avevano chiesto a Draghi la nomina di una persona competente e che potesse subito ambientarsi. La Vezzali conosce bene quel mondo, sicuramente più di Spadafora (lo aveva ammesso anche lui): anche di recente, nell'ultima fase della gestione Scarso, Valentina ha fatto parte del consiglio federale della Federscherma.

Ora avrà subito un compito non facile: trovare un'intesa fra Coni e Sport e Salute. Sciogliere quei nodi che non sono mai stati sciolti negli ultimi due anni (e anche il nuovo Decreto Coni certo non aiuta). Ma lei ha la competenza, e il carattere di ferro, per farcela. Non solo: dovrà aiutare lo sport a risollevarsi da questa crisi terribile. A ripartire. Presto ci sarà il decreto Sostegni: i club, con l'acqua alla gola, e i collaboratori sportivi si aspettano ristori. (fonte Repubblica)

12 / 03/ 21