Italia - Ungheria 7-8

Italia: Sparano, Ioannou, Gottardo, Cuzzupè, Ranalli, G.Millo 2, Borg, Di Claudio, Repetto, Storai 1, Centanni 2, Cocchiere 2, Malara.
All. Martina Miceli
Ungheria: Kiss, Brezovszki 1, Farkas, Hertzka 2, Kovesdi, Gemes 2, Garda 3, Huszti, Mucsy, Kuna, Mathe, Lekrinszki.
All. Attila Mihok
Arbitri: Daskalopoulou (GRE), Rakovic Krstonosic (SRB)
Parziali: 3-3, 1-2, 1-2, 2-1

Niente da fare. L’oro va all’Ungheria. All’Italia rimane l’argento. Battute 8 a 7 dalle magiare le azzurre di Martina Miceli chiudono al secondo posto l’Universiade di Napoli. Il sogno svanisce nella gara più importante: la finale disputata in una Scandone che non ha smesso un istante di sostenere la squadra che aveva iniziato bene la partita salvo poi smarrirsi e tentare poi un disperato recupero nel finale.
Gara non propriamente perfetta quella delle azzurre: tanti gli errori in fase conclusiva: pali e traverse hanno più volte negato la gioia del gol all’Italia e clamoroso è risultato l’errore commesso da Chiara Ranalli che ha mancato la realizzazione di un rigore nel finale del terzo tempo. Ma molto, sull’esito del match hanno influito il gioco rude dee magare protagonste di marcature asfissianti e, soprattutto, alcune discutibili decisioni arbitrali coi due direttori di gara che hanno applicato male le nuove normative creando non poco scompiglio a livello di gestione del match. 
Nella sfida per il terzo posto netta affermazione della Russia impostasi 22 a 7 sul Canada.

Tutti i risultati del torneo al link ><

 

13 / 07/ 19