Una Nannini così piena Firenze non la vedeva probabilmente dalle finali scudetto ad inizio anni 2000, quando la Florentia guidata da Riccardo Tempestini, con Roberto Calcaterra e un giovanissimo Stefano Tempesti, contese al Posillipo 2 scudetti.

Oggi come allora spalti gremiti, fotografi, oltre 700 persone accorse per ammirare i fenomeni della Pro Recco di Ratko Rudic.
Non è la prima volta che le stelle approdano a Firenze, ci mancherebbe, ma quest’anno la squadra è davvero spettacolare, il solo nome raccoglie pubblico come per tanti altri sport più famosi, in proporzione ovviamente.
Segno quindi che l’idea di Maurizio Felugo di rendere itinerante la squadra per le partite di Champions attira pubblico, soprattutto in piazze dove la pallanuoto non è di casa. Non è il caso specifico di Firenze ovviamente, città dalla grande tradizione, ma il sold out di oggi per vedere una delle squadre più forti del mondo significa che questo sport ha di sicuro ancora tanto da dire.

Anche se mancano idee, progetti, e, non ultimi, purtroppo, soldi, la pallanuoto è un gioco che però piace ancora. Ed è questa la notizia più bella a cui tanti non credono.

23 / 03/ 19