Autore


Successo del Plebiscito Padova (6-7) sulla SIS Roma nel posticipo della quinta di andata del campionato femminile di serie A1.
Le venete di Stefano Posterivo si sono aggiudicate il confronto fornendo, dopo la bella parentesi di Euro League, l’ennesima prova di carattere contro una Roma che ha confermato comunque quelle qualità che ne fanno una delle migliori interpreti del torneo.

«Per la partita che ho visto sarebbe stato più giusto un pareggio anche se abbiamo avuto l’occasione di vincerla, ma alla fine, purtroppo, l’abbiamo persa perché loro hanno fatto qualcosa in più di noi –il commento al termine del match del trainer del sodalizio laziale, Marco Capanna– non credo che una squadra si possa rivoluzionare in tre giorni. Mi è piaciuta molto la difesa anche se non possiamo sempre regalare vantaggi agli avversari perché sprechiamo troppe energie mentali e fisiche. Oggi lo abbiamo rifatto e abbiamo rifatto gli stessi errori su grandi occasioni. Accettiamo la sconfitta perché fa parte di quello che siamo oggi e non mi preoccupa aver perso. Ero molto curioso di vedere il Padova com’era con noi perché è una squadra forte e preparata che sta facendo risultati abbondanti ed ampi. Abbiamo voglia di rimetterci a lavorare in vista della partita di sabato, e dopo di essa, chiudendo questo primo tour de force tra Euro League e campionato»

Soddisfazione ampia, sul fronte veneto. «Bella vittoria» commenta il tecnico Stefano Posterivo– perché dopo aver dominato nella prima fase della partita, in cui siamo andati avanti anche per 4 a 1 con occasioni per aumentare la distanza, abbiamo subito il ritorno della Roma sbagliando qualche occasione di troppo. Quando invece ci siamo trovati in svantaggio, abbiamo capovolto il match con carattere e voglia di vincere. Probabilmente rimanendo più lucidi e determinati in fase di tiro avremmo potuto chiuderla prima, ma devo dire che trovarsi in svantaggio, in casa loro, e poi ribaltare la partita e vincerla è stato davvero entusiasmante».
«Siamo molto contente per la partita di oggi perché non era facile –aggiunge  il capitano del team veneto Laura Teani– abbiamo giocato davvero bene e molto compatte tra noi, aiutandoci in ogni parte del campo. Penso che per tutto il gioco che abbiamo creato avremmo potuto allungare e chiuderla molto prima, ma siamo state brave non farci prendere dalla foga e non disunirci l’unica vota che Roma è riuscita a superarci nel punteggio. Sono molto contenta della mia squadra, di come siamo quest’anno, e sono sicura che ancora possiamo crescere molto. Per quanto riguarda la seconda fase di EuroLeague, il girone non è sicuramente facile, ma nessun sorteggio a questo punto lo sarebbe stato. Allo stesso tempo penso che comunque dipenderà tutto da noi, possiamo farcela, e come ogni volta faremo di tutto per arrivare pronte fisicamente e di testa. Ma prima concentriamoci sulla partita di sabato, contro Orizzonte Catania, che sarà molto importante per lo sviluppo del campionato».

Nella foto di Rosario Turrisi, Alessia Millo, migliore realizzatrice del match con 3 reti. 

06 / 11/ 19