Aleksandar Sapic è al lavoro per costruire un Novi Beograd stellare. La voce che arriva dalla Serbia è clamorosa: al suo allenatore, Vlado Vujasinovic, vuole regalare uno dei giocatori più forti del mondo, Aleksandar Ivovic.

Al capitano della Pro Recco, in scadenza di contratto, è pervenuta nei giorni scorsi un'offerta monstre e la tentazione di riavvicinarsi a casa è fortissima, nonostante la proposta di rinnovo formalizzata dalla società ligure che vorrebbe fargli chiudere la carriera in biancoceleste.
Sono giornate decisive per il futuro del difensore montenegrino, a Recco dal 2010 con una parentesi di un anno allo Jug nella stagione 2012/2013.

Per la formazione serba, che organizzerà le prossime tre Final 8 di Champions League, sarebbe un colpo pazzesco dopo quelli messi a segno con Pijetlovic e Drasovic e le trattative in fase avanzata per Mandic e Jaksic, fuoriclasse di Pro Recco e Ferencvaros.

Mercato che comincia a muoversi in tutta Europa. Il talento russo Merkulov è pronto a lasciare lo Jug per trasferirsi al Ferencvaros. La squadra croata ha messo nel mirino anche Kakaris, giovane centroboa dell'Olympiacos. In entrata i greci puntano Vlachopoulos, attaccante dell' AN Brescia, che già a fine stagione potrebbe tornare in patria dopo l'esperienza italiana.

Infine ancora una notizia dalla Grecia che fa tremare la pallanuoto europea: Dimitri Diathesopoulos ha perso la corsa alla presidenza della federazione greca su cui regnava da decenni. Nuovo presidente eletto è Kiriacos Jannopulos. 
Non solo: la sconfitta è anche arrivata nella corsa al comitato Olimpico ellenico. Ricordiamo che Diathesopoulos è vice presidente della LEN e membro del bureau della FINA.

Nella foto d'archivio un pezzo di storia della pallanuoto balcanica
Da sin. Zimonijc, Ikodinovic, Sapic e Vujasinovic


 

05 / 04/ 21