Dopo tre risultati utili consecutivi si ferma il cammino del Savona. E in casa, per giunta. Ottima la Roma Nuoto che alla Zanelli si presenta spavalda e senza timori proprio come Roberto Gatto vuole. Uno-due ad inizio gara, i biancorossi recuperano, poi il tira e molla continua fino all’uscita di Soro a metà terzo tempo che fa crollare le certezze alla difesa di casa. I giallorossi ne approfittano per allungare, nonostante il cuore dei liguri consente di riavvicinarsi lo sforzo è troppo grande, l’ossigeno termina prima dei 32 minuti e gli ospiti ne piazzano tre di fila per chiudere la gara e sorpassare gli avversari in classifica.

Operazione che riesce anche alla Lazio nel match che non ha tradito le attese. Al Foro Italico Trieste è costretta subito ad inseguire, gli aquilotti lasciano solo le briciole a chiudono sul triplo vantaggio a metà partita. Che si riapre clamorosamente alla ripresa: Gogov, Peronio e Podgornik riportano gli alabardati in pari cominciando di fatto un’altra partita che durerà soltanto 8 minuti. Ed è cardiopalma per tutti, gli ospiti ne fanno altri 2 passando dal -3 al clamoroso +2. Lo sforzo si fa sentire, la Lazio ritorna in partita e dopo l’ennesimo botta e risposta Colosimo sigla il gol della vittoria.

Continua il momento buono dell’Ortigia, alla Caldarella dopo due tempi equilibrati mette la freccia al cambio campo e batte sonoramente il Bogliasco. Dalla partita contro il Vouliagmeni sembra di nuovo la squadra vista ad inizio stagione quella di Piccardo, sarà un caso ma quando gira Vapenski (5 gol oggi) il resto della squadra lo segue con scioltezza, ottimo preludio per il ritorno di coppa contro i greci che può valere una storica semifinale di Europa Cup.

A proposito di coppe, la trasferta in casa della Canottieri è buona per fare rifiatare Echenique e Aicardi in vista della gara interna contro la Steaua Bucarest. Tanta emozione per Velotto contro il suo passato che comunque non gli impedisce di bucare prima Vassallo e poi il giovane Altomare. Per il resto manita di Di Fulvio ed Ivovic nel giorno in cui esordisce il classe 2003 Biallo tra gli ospiti. Analisi tecnica da rimandare alla prossima gara per l’incolpevole squadra di Zizza.

Stesso dicasi per il Posillipo. A Brescia,e senza il lungodegente Foglio e l’appena operato Mattiello, la vittoria sarebbe stato risultato da far ammattire i quotisti. La squadra di Brancaccio ci prova, ma non riesce ad impensierire i padroni di casa, non hanno bisogno di accelerare più di tanto per avere la meglio sugli avversari e chiudono la pratica senza sudare.

La terza forza del campionato batte il Quinto e lancia la sfida allo Yug mercoledì. Alla Manara la Sport Management chiude i conti dopo 2 tempi, consente la passerella a Fondelli e Luogo, rispettivamente 5 e 4 gol, provando gli schemi contro una squadra che a dispetto del risultato gioca bene e da filo da torcere fino all’ultimo minuto.

Chi ne darà a tutti fino a fine campionato sarà di sicuro la Florentia. La vittoria casalinga contro il Catania, che scarso non è a dispetto della classifica, conferma che la squadra di Tofani meritano più considerazione di quella attribuita a dei giovanotti di belle speranze che hanno avuto il loro exploit a sorpresa lo scorso anno. Gara mai in discussione, il vantaggio di 5 gol a metà partita fa dormire sonni tranquilli ai gigliati, ma fa anche fremere coach Dato che sa di avere una squadra che può fare tanto di più.

Ci vorrà tutto il cuore dei siculi sabato prossimo per avere la meglio contro il Savona, avvelenato per la sconfitta casalinga. L’Ortigia farà visita al Posillipo tre giorni dopo la fatica di coppa mentre Trieste e Canottieri faranno di tutto per riprendere la marcia. Mentre la Florentia andrà a Recco, Brescia e Sport management prenderanno lo stesso volo in direzione Roma, la prima contro la squadra di Gatto, l’altra contro quella di Sebastianutti. Infine il  Bogliasco proverà a squiodarsi dall’ultimo posto contro il Quinto.


nella foto
Federico Colosimo
 

01 / 12/ 18