Imperia - Waterpoloitaly lo aveva annunciato il 18 luglio: adesso c'è l'ufficialità: Roberto Fiori è il nuovo tecnico dell'Imperia.
L'uscita del calendario, però, ha sorpreso il tecnico romano. Prima o poi, le avversarie, si devono affrontare, ma i tempi stabiliti per la disputa, ad esempio, del girone di andata, hanno fatto storcere il naso a Fiori.
«Speravamo in una stagione, che è già di per sé zeppa di impegni internazionali, diversamente diluita, che ci consentisse di affrontare con maggiore serenità per lo meno la parte iniziale della stagione, che si preannuncia dura. Rischiamo di arrivare incompleti e non al top ai primi severi test della stagione».
Il nuovo tecnico del sodalizio giallorosso non nasconde le sue perplessità scorrendo dall’alto al basso, così come gli è stato fornito, l’elenco delle gare che la squadra femminile della Rari Nantes Imperia andrà ad affrontare a far data dal prossimo 21 ottobre. Il campionato femminile di A1 scatterà all’indomani dei turni preliminari della FIN Cup. Tre settimane dopo è in programma la prima sosta per la final-eight della FIN Cup. Quindi nuovo stop, dopo la quarta giornata, per la prima fase dell’Europa Cup e ripresa col turno infrasettimanale mercoledì 29 novembre per dare poi spazio al primo turno di qualificazione dell’Eurolega, al quale prenderanno parte Messina, Padova ed Orizzonte Catania. Il campionato riprenderà il 9 dicembre con la sesta di andata e arriverà all'ottava giornata il 23 dicembre prima della sosta per le festività natalizie. Sosta che si concluderà con la prima fase della Coppa Italia in programma il 6 e 7 gennaio. Il girone di andata si concluderà sabato 13 gennaio e quello di ritorno inizierà sabato 10 febbraio dopo l’altro raggruppamento eliminatorio di Eurolega e il secondo turno di Europa Cup.
«Noi cominceremo affrontando due delle sicure protagonista della stagione –riprende Fiori– il debutto, sabato 21 ottobre, sarà in trasferta con le campionesse d’Italia del Plebiscito Padova. La settimana seguente saremo in Sicilia per affrontare il Catania. Un avvio proibitivo, ma sappiamo benissimo sin d’ora quale sarà il nostro compito. Le premesse sono ottime. I ritmi di lavoro già elevati. Ed io sono moderatamente soddisfatto. E dico moderatamente non per logorare, ma solo perché so quanto lunga sarà la stagione e quante ancora le difficoltà che dovremo superare. Attorno a noi c’è fiducia e ho notato nel gruppo una gran voglia di fare bene. Ingoiamo, per ora, l’amaro boccone di un girone di andata che, a causa di una serie di impedimenti legati prevalentemente a cause di studio, non ci consentiranno di utilizzare sin dall’inizio la nuova straniera che stiamo inseguendo. Punto molto sullo spirito di collaborazione e sull’orgoglio di un gruppo che ritengo già in grado di recitare comunque un ruolo importante nel contesto del prossimo torneo femminile di A1».

 

26 / 08/ 17