Autore

L'AZC Alphen torna sul palcoscenico europeo più importante, la Champions League, grazie alla wild card che la Len le ha dato. Offerta fatta ai primi di giungo a Budapest.
«Siamo molto orgogliosi di accettare questo invito - ha confessato Ron van der Wild, allenatore del club olandese - per giocare con le migliori sedici squadre in Champions League per i prossimi due anni. Non è solo una possibilità per noi, ma anche un impulso per tutto il movimento in Olanda, da ormai troppi anni molto distanti dalle manifestazioni internazionali».

L'AZC Alphen, fondata 17 marzo 1926,  ha partecipato per la prima volta nella sua storia ad una competizione europea nel 1977, anno in cui vinse il primo titolo nazionale. Dominatrice assoluta del campionato orange negli anni '70, ha vinto il 20° ed ultimo titolo ad oggi nel 2004.  Ad oggi ha disputato oltre 150 partite in Europa. Leggendaria la finale del 1983 in Coppa dei Campioni contro la Pro Recco.
Un disastroso incendio distrusse la piscina nel 2007: il consiglio comunale decise di costruire subito un nuovo impianto dove poter disputare eventi internazionali. Nel 2012 fu inaugurato con i Campionati europei di pallanuoto. «Siamo particolarmente orgogliosi di essere di nuovo nell'Europa che conta - ha dichiarato WIld - sopratutto convinti che il lavoro che sta portando avanti il Ct della squadra maschile nazionale, Robin van Galen, arrivi a partecipare ai Giochi del 2020. Siamo comunque convinti che ritornare a giocare a questi livelli sia propedeutico per tutto il sistema pallanuoto olandese, grazie alla sinergia con la KNZB (Federazione Pallanuoto olandese), con gli arbitri, e con gli altri club. Le gare di Champions si disputeranno il mercoledì: noi andremo sempre in trasferta per tre giorni, per abituare i più giovani a questo titpo di manifestazioni».

 

24 / 08/ 17

Potrebbero interessarti