Sono passati poco più di dieci giorni dalla Final Eight di Champions League. Di acqua, come è usanza dire, ne è ormai passata già tanta sotto i ponti. Tutto è proiettato ai Mondiali di Gwangju in Corea.
L'amarcaord è di Sandro Bovo, caoch dell’AN Brescia.

Che ricordi ha questa finale tedesca?
Senza dubbio ho visto delle belle partite, specialmente la finale. Bei gesti atletici, bei gol.

Secondo lei cosa potrebbe essere migliorato: le piace questa formula?
Innanzitutto eliminerei le finali dal quinto all’ottavo posto. Non servono a nulla, se non farsi del male. Tutti gli atleti, non solo i miei, si sono stancati troppo e la mente corre alle prossime edizioni, quando con le nuove regole la fatica aumenterà. Credo sia il limite di questa formula. Forse con una formula a quattro, come negli anni passati, ma con un giorno di riposo per tutelare fisicamente gli atleti, sarebbe secondo me meglio.

C’è da dire che comunque la piscina di Hannover non straripava di pubblico.
Se ci fossero state partite di calcio, facevamo il pieno. Ne conviene? Il problema penso sia l'essere in campo neutro. Le faccio un esempio. Nel 1997 ci qualificammo con il Pescara e il Posillipo alla Final Four di Zagabria. In semifinale noi battemmo i favoritissimi padroni di casa della Mladost 4-2, mentre il Posillipo affondò il Volgograd (11-5). La finale fu quindi fra noi ed il Posillipo. Perdemmo di due gol (8-6) ma sopratutto in piscina c’erano si e no 200 persone. Tragga lei le conclusioni.

Quindi cosa suggerirebbe?
Io non suggerisco nulla. Anche perché le prossime due edizioni sono state già vendute al Recco ed all’Hannover. Però se si vuole riempire le piscine bisognerebbe non vendere i biglietti per le singole gare ma pacchetti completi, in modo da far venire il pubblico. E poi credo che la Final Four sia la formula migliore. Certo l’ideale sarebbe fare gare di andata e ritorno, sia per i quarti che per le semifinali. Ci sarebbe un appeal diverso. Il problema sarebbe così la finale: riusciremmo ad avere tre -quattro mila persone in campo neutro? Ne dubito fortemente.


Nella foto di Andrea Staccioli (Deepbluemedia)
Alessando Bovo



 

17 / 06/ 19

Potrebbero interessarti