Autore

«In effetti ci siamo parlati. Adesso sto trattando lo svincolo con il Posillipo. La prossima settimana sarà decisiva». Queste le prime parole che Vincenzo Renzuto ci ha detto mentre, sulla spiaggia, sta cercando un po’ di relax dopo le fatiche del mondiale.
Andare a giocare all’estero, certamente sarà  una fantastica esperienza:«Credo proprio di si. Purtroppo con il brusco ridimensionamento che il Posillipo ha fatto mi sono trovato in difficoltà. Anche perché il Ct Campagna si è raccomandato di giocare ad alti livelli. Con lo Jug oltre ad un buon campionato, ci sarà la Champions. Fatto molto importante per restare ad alti livelli».
Vincenzo Renzuto, primo top player italiano ad andare all’estero: «Dopo il mondiale ho sentito anche squadre italiane di alto livello. Ma tutte avevano già completato la rosa. Quindi non ci sarebbe stata altra soluzione che emigrare. Ho parlato più volte con Kobeskak, che mi conosce, e sarebbe entusiasta di vedermi con la calotta amaranto dello Jug. E poi Dubrovnik è una città stupenda, così come i suoi tifosissimi abitanti. Li hanno giocato grandi campioni come Azevedo e Perrone. Vedremo la prossima settimana cosa succederà».
Una perdita notevole per il Posillipo, che sembra così aver abbandonato ogni velleità di successo: la mancata iscrizione all’Euro Cup, prima, adesso la perdita del suo atleta più di spicco. Una brutta uscita di scena dalla pallanuoto che conta, non c’è dubbio.

 

19 / 08/ 17