Premessa: nessuna gara si è giocata ad orario istituzionale

Il primo big match del campionato se lo aggiudica il Recco. Bisogna essere al 100% per battere i liguri, se li si affronta senza centri e con un giocatore in meno a referto anche ad una squadra speculare al team di Vujasinovic resterebbero solo le briciole. Così è stato, i bustocchi cedono i tempi dispari ma restano comunque in partita fino alla fine nonostante il solco scavato nella sterza frazione. Moriranno già dalla voglia di giocarla a campi invertiti, dovranno avere tanta pazienza ed aspettare marzo.
Lo scontro tra le altre due salite sul podio finisce a favore del Brescia, ma la Canottieri rispetto ai risultati estremamente rotondi del passato stavolta riesce a contenere la furia lombarda. Dal mancato 4-5 al 3-7 di metà gara passa un errore al tiro, magari non cambiava il segno in schedina ma sarebbe stata più divertente per i giallorossi. Bene la Leonessa in vista della Champions, bene Morretti tra i pali nelle prime frazioni.
Ottimo invece Giorgio Torrisi, ben 6 i centri del catanese doc nello scontro diretto con il Bogliasco. Sono i suoi gol a fare la differenza assieme alle troppe ingenuità ospiti, sbarcati in Sicilia senza Guidaldi, il sorpasso dei padroni di casa in classifica fa tantissimo morale in vista di Savona. Sarà l’Ortigia il prossimo avversario del Bogliasco, fresco di vittoria casalinga su Trieste. Piccardo contro il suo recente passato, la squadra dopo il passaggio a vuoto del terzo tempo è riuscita a blindare la porta di Patricelli negli ultimi 8 minuti per rimontare e vincere.
Rimonta che non riesce al Posillipo. Nella partita che ricorda entusiasmanti finali scudetto, i rossoverdi fanno tutto da soli incartandosi come non mai in una gara che poteva significare 3 preziosissimi punti. Complimenti alla Florentia che ha saputo aspettare il momento buono per colpire, i troppi errori sotto porta del team di Brancaccio fanno il resto e i gigliati si aggiudicano i primi punti della stagione.
Ancora a secco invece Torino e Acquachiara. Al Foro Italico la Lazio chiude i conti già a metà gara (8-1), poi inizia a rilassarsi consentendo un timido ritorno dei piemontesi. Più netta la vittoria del Savona ai danni dei giovanissimi napoletani, vantaggio che aumenta col passare dei minuti grazie anche alla cinquina di Colombo.
E proprio i due fanalini di coda si affronteranno sabato prossimo alla Monumentale di Torino. Catania sulle ali dell’entusiasmo proverà a sgambettare Savona, facili invece gli impegni di Brescia (Posillipo) e Recco (Florentia), buoni per smaltire le fatiche di coppa del prossimo mercoledì.


Canottieri Napoli - AN Brescia 8-11

Paolo Zizza, all. Can.Napoli: rispetto alle altre gare contro il Brescia siamo andati meglio. Abbiamo segnato di più, abbiamo giocato di più, siamo stati di più in partita. Dobbiamo ancora crescere, ma comunque qualche miglioramento già si vede anche se siamo ad inizio stagione.

Alessandro Bovo, all. AN Brescia: buona partita, soddisfatto per la vittoria, anche se abbiamo avuto un paio di momenti bui. Potevamo evitare due controfughe, specialmente la seconda, ma siamo andati bene con l'uomo in meno. Mercoledì vedremo se cancelleremo il passaggio a  vuoto di Hannover.

Nuoto Catania - Bogliasco 1951 14-10

Giuseppe Dato, all. Nuoto Catania: Festeggiamo una vittoria, la prima dopo il ritorno in serie A1 e siamo contenti per questo. Avevo chiesto ai ragazzi di insistere sulle cose buone già intraviste nelle prime uscite e siamo riusciti nel nostro intento nonostante qualche sbavatura. Siamo stati bravi a mantenere un’intensità alta per quattro tempi, contravvenendo alle difficoltà per aver inserito cinque nuovi innesti. In generale abbiamo avuto un buon approccio, solo qualche mancanza di concentrazione, ma abbiamo retto bene.

Daniele Bettini, all. Bogliasco 1951: Oggi abbiamo giocato davvero una gran brutta partita, siamo stati sempre a inseguire l'avversario. In uno scontro come questo non si possono commettere così tante ingenuità e regalare gol come abbiamo fatto noi. E' vero che dobbiamo ancora trovare l'amalgama giusta e che siamo ancora un cantiere a cielo aperto ma ciò che mi aspetto dai ragazzi è qualcosa di molto diverso che spero di vedere già da sabato prossimo. Ci manca un po' di cattiveria e di convinzione. Dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare forte.

CC Ortigia - PN Trieste 8-6

Stefano Piccardo, all. CC Ortigia: Sono 3 punti importanti per il nostro campionato. Oggi abbiamo dimostrato che, nonostante abbiamo giocato male qualche azione in avanti, con la pazienza si può gestire un match. Credo che questa vittoria ci dia coscienza di poter giocare contro chiunque se lavoriamo in un certo modo. Anche nel terzo tempo, con il parziale negativo e due gol presi stupidamente, siamo riusciti a mantenere la concentrazione e a rimetterci in corsa con grande calma.

Miroslav Krstovic, all. PN Trieste: Loro molto più esperti di noi, la nostra squadra con tanti giovani e con grande voglia di mettersi in mostra. Dobbiamo continuare a lavorare per acquisire esperienza. In alcune fasi del match ci è mancata la capacità di gestione della palla in avanti e in difesa. Abbiamo pagato questo e la maggiore esperienza dei loro campioni.

SS Lazio - Torino '81  11-7

Claudio Sebastianutti, all. SS Lazio: Era fondamentale partire bene. Abbiamo iniziato giocando con il pressing molto alto, rubando molti palloni e al termine del secondo periodo vincevamo già 8-1. I ragazzi hanno interpretato perfettamente l'incontro. Ciò che facciamo in partita è lo specchio di come i giocatori si allenano in settimana. Si impegnano molto e sono seri. Li ringrazio perché mi aiutano molto. Io sono alla prima esperienza ed è importante sentire la squadra vicina. Ringrazio anche Ramon Garcia che mi dà sempre quel qualcosa in più per fare bene.

Simone Aversa, all. Torino '81: Approccio completamente sbagliato alla gara, di cui mi prendo ovviamente la responsabilità. Non è questo l'atteggiamnto che dobbiamo avere quando andiamo in trasferta. Sopratutto per giocare delle partite, come questa, dove ci sono in palio dei punti che ci servono come il pane. Mentre i nostri avversari si sono dimostrati più pronti, più brillanti per questo genere di gare. Noi siamo ancora indietro, c'è ancora tanto da fare, da lavorare e non dobbiamo cercare alibi dove non ci sono.

Posillipo-Florentia 4-8

Roberto Brancaccio, all. Posillipo: Non siamo stati in grado di riproporre l’ottima prestazione della scorsa settimana nel derby contro la Canottieri, e la percentuale di superiorità numerica la dice lunga sull'andamento della partita. Ma non ci demoralizziamo: avremo qualche giorno di tempo per riflettere e prepararci al meglio in vista della trasferta di Brescia dove affronteremo una gara molto impegnativa, e, dopo la pausa, dello scontro diretto contro il Trieste alla Scandone

Roberto Tofani, all. Florentia: E' stata una partita non bella, abbastanza lenta. Il Posillipo poteva farci male ad inizio gara, poi gli errori commessi li hanno innervositi e siamo stati bravi ad approfittarne. Devo fare i complimenti ai ragazzi perchè hanno fatto la padtita che avevho chiesto loro, senza forzare ma spettando con pazienza il momento giusto per colpire. Tre punti che fanno tanto morale, in fondo si può dire che era uno scontro diretto anche se siamo ad inizio camponato.

Pro Recco - Sport Management 11-9

Marco Baldineti, all. Sport Management: Grande dispendio di energie da parte di tutti perché non avevamo punti di riferimento davanti. Questo ha fatto sì che tutti abbiano dovuto muoversi di più e già eravamo contanti con Blary e Baraldi fuori e con Gallo e Panerai rientrati da poco. Eravamo corti ma tutti hanno fatto la loro parte e sono contento della prova dei miei ragazzi. La stanchezza ha messo in evidenza errori con l'uomo in più, ma io penso che il Recco sia battibile. E' una squadra con tanti campioni ma penso sia battibile e oggi ne sono ancora più convinto.

 

Nella foto
Giorgio Torrisi

04 / 11/ 17