Ungheria, Olanda e Grecia (nell’ordine) sul podio. L’Italia resta fuori anche dalla “zona medaglia” di questo nefasto Preolimpico che ha precluso al Setterosa la partecipazione alle prossime Olimpiadi di Tokio.
Con la sconfitta (10-4) patita nel pomeriggio ad opera delle elleniche di Theodoros Lorantos le azzurre hanno perso anche quello che da più parti veniva considerato come l’ultimo treno utile per accedere ai Giochi, ovvero il ripescaggio che scatterebbe però solo nel caso in cui dovesse rinunciare una delle squadre aventi diritto: Sud Africa e Russia in testa. 
Il ko patito ad opera della Grecia trova, quale unica, quanto inutile giustificazione, l’effetto negativo sul morale del gruppo provocato dalla sconfitta patita il giorno precedente ad opera dell’Ungheria.
Balbettante, svuotata, poco incisiva e imprecisa l’Italia ha finito per diventare facile bersaglio delle elleniche sin dal fischio d’inizio. Ed è stato sul punteggio di 4-0 a favore della Grecia che Paolo Zizza, al fine di provare ad attuare un cambio di rotta, ha preso la decisione di effettuare la sostituzione del portiere: Sparano al posto di Gorlero.
Un’operazione rivelatasi però infruttuosa anche di fronte alle 4 espulsioni per somma di falli subite dalla formazione greca. 
A vincere il Preolimpico è stata l’Ungheria che ha superato 13 a 11 l’Olanda mettendo il sigillo ad un torneo affrontato con spietata freddezza dalle magiare andate in gol, nell’ultimo confronto della rassegna con otto giocatrici, gruppetto del quale non poteva ovviamente non far parte anche la fuoriclasse Rita Keszthelyi decisamente la migliore pallanuotista vista in occasione della kermesse di Trieste.

La classifica del Preolimpico ha visto classificata al quinto posto la Francia di Florian Bruzzo impostasi per 12 a 10 sul Kazakistan.
La sfida per il settimo posto se l’è invece aggiudicata Israele che dopo aver rimontato a fatica le avversarie (6-3 il passivo ad inizio della tera frazione) è riuscito ad imporsi per 13 a 10 sulla Slovacchia. 

Finale 1°-2° posto

Olanda-Ungheria  11-13
Olanda: Koenders, Megens 1, D. Genee, Van der Sloot 1, Wolves, Stomphorst, B. Rogge, Sevenich, Keuning 3, Koolhaas, Van de Kraats 5, Sleeking 1, Willemsz. 
All.: Arno Havenga
Ungheria: Magyari, Szilagyi, V. Valyi, Gurisatti 1, Szücs 1, Parkes 1, Illes 1, Keszthelyi 2, Leimeter 2, Gyongyossy, Rybanska 2, Garda 3, Gangl. 
All.: Attila Biro 
Arbitri: Dreval (Rus), Severo (Ita)
Parziali: 3-4, 2-2, 3-5, 3-2

Finale 3°-4° posto

Grecia - Italia 10-4
Grecia: Diamantopoulou, Tsoukala 4, Tricha, Eleftheriadou 2, M. Plevritou, Xenaki 1, Ninou 1, Patra, Kotsia, V. Plevritou, E. Plevritou 2, Myriokefalitaki, Stamatopoulou. 
All.: Theodoros Lorantos
Italia: Gorlero, Tabani, Garibotti 2, Avegno, Queirolo, Aiello, Marletta, Bianconi, Giustini, Palmieri, Chiappini 2, Viacava, Sparano. 
All.: Paolo Zizza
Arbitri: Peris (Cro) e Varkonyi (Hun)
parziali 4-1, 0-1, 4-1, 2-1. 
Note: uscite per limite di falli Myriokefalitaki (G) a 0'27 del quarto tempo, E. Plevritou (G) a 1'25 del quarto tempo, Patra (G) a 3'23 del quarto tempo e Kotsia (G) a 4'10 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Grecia 2/7 e Italia 2/14. In porta Diamantopoulou (G) e Gorlero (I). Sparano (I) subentra a Gorlero a 7'01 del primo tempo.

Finale 5°-6° posto

Kazakistan - Francia 10-12
Kazakistan: Zharkimbayeva, Pochinok, Akilbayeva 2, Turova 1, Yeremina 1, Roga 3, Novikova 1, Muravyeva, Shapovalova, Khritankova, Rakhmanova, Murataliyeva 1, Alibayeva.
All. Marat Naurazbekov
Francia: Counil, Millot 3, Fitaire, Bouloukbachi, Guillet 3, Mahieu 3, Dhalluin, Heurtaux, E. Vernoux 3, Michaud, Deschampt, Radosavljevic, Gaal.
All. Florian Bruzzo
Arbitri: Schwarz (Isr), Horvath (Svk)
Parziali: 1-3, 3-3, 4-3, 2-3

Finale 7°-8° posto

Slovacchia - Israele 10-13
Slovacchia: Horvathova, Kovacikova, Halocka 4, Kvasnicova, Kiernoszova, Sedlakova, Peckova 2, Kackova, Stankovianska 2, Majlathova, Katlovska 1, Kissova 1, Dvoranova.
All. Milan Henkrich
Israele: Geva, Yaacobi, Levi, Bogachenko 3, Noy 1, Futorian 2, Farkash 3, Menakerman 1, Tal 1, Sasover, Hochberg 2, Gazit.
All. Dimitris Mavrotas
Arbitri: Aimbetov (Kaz), Granjean (Ned)
Parziali: 1-2, 4-1, 3-5, 2-5


Foto Andrea Staccioli/deepbluemedia.eu


 

24 / 01/ 21