Francia, Olanda e Slovacchia. Sono queste, nell’ordine, le prime tre avversarie del Setterosa nel torneo di qualificazione olimpica in programma da martedì 19 a domenica 24 gennaio a Trieste. 

Del secondo dei due gironi in cui è stata strutturata la rassegna, fanno parte Ungheria, Israele, Grecia e Kazakistan

Martedì 19, mercoledì 20 e giovedì 21 sono in programma le gare di qualificazione. Venerdì 22 si disputeranno i quarti (confronti incrociati in base ai piazzamenti che si verificheranno al termine delle prime tre gare), mentre sabato 23 e domenica 24 si giocheranno semifinali e finali.

Dall’esito della rassegna dipende il destino delle azzurre che alla Bianchi avranno l’ultima possibilità di conquistare il pass per le Olimpiadi di Tokyo.

L'intricata vigilia del Setterosa è stata caratterizzata da due singolari decisioni assunte dal Commissario Tecnico Paolo Zizza che prima ha deciso di affidare (sottraendola ad Elisa Queirolo) la “fascia” di capitano a Silvia Avegno e poi di escludere dal lotto delle convocate una senatrice illustre come Giulia Emmolo 29enne attaccante mancina in possesso di un curriculum ricco e variegato.   

Scelte che Zizza ha motivato asserendo di aver attuato il tourn-over nel ruolo di capitano con l’obiettivo di responsabilizzare le atlete appartenenti alla fascia di età di cui fa parte la stessa Silvia Avegno, stimolando in tal modo le giovani e l’intero movimento a mantenere sempre alta la guardia, preferendo poi alla Emmolo giocatrici che dispongono del necessario livello fisico per affrontare una rassegna difficile come il Preolimpico.

Riuscire a tenere sotto pressione il gruppo sarà il compito principale del tecnico in questo torneo che si aprirà col confronto con la Francia, incontrata e sconfitta 13-8 lo scorso 25 febbraio in World League nell'ultimo impegno internazionale prima del lockdown causato dal Covid-19.

Una Francia che parteciperà al Torneo di Qualificazione Olimpica priva di diverse titolari (Léa Bachelier, Clémence Clerc, Audrey Daule, Aurélie Battu e il portiere Lorène Derenty) e che proverà a difendere le proprie possibilità pur accumulando l'esperienza per i futuri Giochi Olimpici di Parigi. 
La compagine transalpina, guidata da Florian Bruzzo ha concluso domenica 17 il ritiro di Abbeville, svoltosi nel pieno rispetto delle norme anti-Covid.
Di fronte alle difficoltà, dettate soprattutto dalle importanti assenze, il trainer delle francesi Bruzzo dimostra comunque grande freddezza: «Abbiamo sei partite di alto livello da giocare. È un'opportunità da cogliere per progredire perché è da tempo che non abbiamo l'opportunità di opporci alle migliori squadre del continente. La gara contro ci consentirà già di lavorare e assemblare in gruppo in vista dei Giochi Olimpici di Parigi nel 2024. La nostra squadra è giovane. Le manca l'esperienza. Che è ciò che dovremo acquisire in Italia. L'importante è competere ai massimi livelli, cogliere questa opportunità per imparare affrontando squadre che schierano in vasca alcune delle  migliori giocatori europee. Italia, Spagna, Olanda e Ungheria sono di un altro pianeta, ma proveremo comunque a sfidare il gota della pallanuoto europea sia individualmente che collettivamente. Vogliamo crescere: questo è ciò che mi interessa di più di questo torneo Olimpico».

Nelle fila azzurre, rispetto alle ultime convocazioni, assieme a Giulia Emmolo sono state escluse Domitilla Picozzi, Arianna Gragnolati, Agnese Cocchiere e Caterina Banchelli. Tra i rientri, da segnalare quello di Laura Barzon, che mancava da un grande evento dai Mondiali di Kazan 2015.  

Zizza ha confermato 11/tredicesimi della squadra classificatasi al sesto posto agli Europei 2020 di Budapest, ultima manifestazione internazionale disputata prima dell’epidemia di coronavirus. 
Prima dell’inizio del torneo di Trieste, però, il Ct. dovrà indicare il 13 base e le due riserve che potranno essere utilizzate soltanto in caso di infortuni o indisponibilità causa Covid-19.

Già qualificate alle Olimpiadi di Tokyo gli Stati Uniti (oro alla World League), vincitori delle ultime due edizioni e sempre sul podio nelle precedenti rassegne (pallanuoto femminile introdotta nel 2000), la Spagna (argento ai mondiali vinti dagli Stati Uniti), la Russia (argento agli europei vinti dalla Spagna) detentrice della medaglia di bronzo, il Canada (argento ai Giochi Panamericani vinti dagli USA), l'Australia (Oceania), Cina (Asia), il Sud Africa (Africa) e il Giappone (Paese ospitante).

Questo l’elenco delle giocatrici a disposizione:

Roberta Bianconi (CSS Verona)
Sofia Giustini, Chiara Tabani, Giuditta Galardi, Silvia Avegno, Fabiana Sparano e Isabella Chiappini (SIS Roma)
Giulia Gorlero, Arianna Garibotti, Rosaria Aiello, Valeria Palmieri, Giulia Viacava, Claudia Marletta e Laura Barzon (Orizzonte Catania)
Elisa Queirolo (Plebiscito Padova). 

Dello staff tecnico, assieme a Paolo Zizza fanno parte gli assistenti Marco Manzetti e Mauro De Paolis, il medico Gianluca Camilleri, la fisioterapista Simona Tozzetti e il preparatore atletico Simone Cotini.

Il calendario del torneo

Martedì 19 gennaio
Ore 14 (B) Ungheria-Israele
Ore 16 (B) Grecia-Kazakistan
Ore 18 (A) Francia-Italia
Ore 20 (A) Olanda-Slovacchia

Mercoledì 20 gennaio
Ore 14 (B) Ungheria-Kazakistan
Ore 16 (B) Grecia-Israele
Ore 18(A) Olanda-Italia
Ore 20 (A) Francia-Slovacchia

Giovedì 21 gennaio
Ore 14 (B) Ungheria-Grecia
Ore 16 (A) Francia-Olanda
Ore 18 (A) Italia-Slovacchia
Ore 20 (B) Israele-Kazakistan

Quarti di finale - venerdì 22 gennaio*
* L'Italia giocherà alle 18
(13) Ore 14 2A-3B
(14) Ore 16 3A-2B
(15) Ore 18 1A-4B
(16) Ore 20 4A-1B

Semifinali - sabato 23 gennaio**
** L'Italia giocherebbe alle 20 la semifinale per il primo posto
(17) Ore 14 LG13-LG16
(18) Ore 16 LG14-LG15
(19) Ore 18 WG13-WG16
(20) Ore 20 WG14-WG15

Finali - domenica 24 gennaio
(21) Ore 14 LG17-LG18
(22) Ore 16 WG17-WG18
(23) Ore 18 LG19-LG20
(24) Ore 20 WG19-WG20

Nella foto di Stéphane Kempinaire, il Ct della Francia
Florian Bruzzo.

17 / 01/ 21