Autore

Riportiamo di seguito l'articolo di Annamaria Coluccia pubblicato oggi su Il Secolo XIX di Genova in merito alla querelle sulla demolizione della Piscina Mario Massa di Nervi.

«A un certo momento dietro la curva, lontano sul porto abbiamo visto la piscina: beh, in quel momento sono stato felice...». È il ricordo romantico che Nanni Moretti pallanuotista dedica alla piscinaMario Massa del porticciolo di Nervi, nel famosissimo film “Palombella Rossa”.
E proprio Moretti è anche un sostenitore illustre della petizione, che in pochi giorni ha raggiunto quasi seimila firme, lanciata sul web da Matteo Ciappina per salvare l’impianto che, invece, nei piani della giunta Bucci è destinato alla demolizione.
«Nanni Moretti mi ha chiamato dopo che io avevo mandato una email e parlato con la sua segretaria: mi ha detto che potevo mettere il suo nome fra i firmatari della petizione e mi ha chiesto di tenerlo aggiornato» racconta Ciappina, ex pallanuotista della Sportiva Nervi, che su Facebook ha creato una pagina ad hoc per far partire la mobilitazione in difesa della piscina di Nervi, chiusa da maggio2012 (fatta eccezione per una temporanea riapertura nell’estate 2013). Alla petizione hanno già aderito molti campioni di pallanuoto del passato, atleti di oggi e tanti nerviesi, decisi a difendere quella piscina che per Nervi rappresenta molto di più di un impianto sportivo, perché è stata per decenni luogo di incontro e punto di riferimento di una comunità non solo sportiva. Per il restyling della Mario Massa la giunta Doria aveva ottenuto dal Governo, con il Patto per Genova, un finanziamento di 2,5 milioni. Ma con la nuova amministrazione la strategia è cambiata. La giunta Bucci ha già approvato un progetto preliminare per la nuova sistemazione del porticciolo, una volta che la piscina fosse demolita, e il sindaco Marco Bucci si è impegnato a realizzare altrove, sempre a Nervi,una nuova piscina di 33 metri, adatta ad ospitare le partite di pallanuoto. «Ma per ora un progetto alternativo alla piscina del porticciolo non c’è» sottolinea Ciappina, convinto che «la nostra comunità non vuole barattare un bene così prezioso per qualche posto barca».
La mobilitazione sta creando qualche imbarazzo politico e qualche difficoltà anche nel municipio Levante, governato dal centrodestra, mentre ieri in piazza Duca degli Abruzzi, a Nervi, si è svolta un’assemblea dei “fan” della piscina, promossa proprio da Ciappina.
«Io credo che sia giusto ascoltare le ragioni di questa comunità prima di prendere una decisione» commenta Federico Bogliolo, vicepresidente( forzista) del municipio Levante, con delega fra l’altro allo Sport e con un passato da pallanuotista nella Sportiva Nervi. Bogliolo ricorda che il municipio è stato interpellato da Tursi per fare le osservazioni sull’ipotesi progettuale di sistemazione del porticciolo di Nervi dopo la demolizione della Mario Massa, «ma finora nessun tecnico – osserva-è venuto a dirci che nel porticciolo non si può fare una piscina da pallanuoto a norma».
«Nel porticciolo una piscina da pallanuoto in regola, con gradinate per il pubblico, sarebbe “impiccata”, perché non c’è spazio sufficiente» commenta l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Paolo Fanghella. «Ma Nervi - assicura - avrà una nuova piscina a norma: è un nostro impegno».
Che, per ora, però, non basta a tanti nerviesi

29 / 09/ 18