Autore

Stanford, Calif. – Il giorno fatidico è arrivato. Come ci aveva annunciato qualche mese orsono, Tony Azevedo disputerà la sua ultima partita prima del definitivo ritiro.
All’inizio dell’anno aveva già rinunciato alle competizioni internazionali.
L’11 giugno, presso il centro Avery Aquatic di Stanford, alle 15.30 la nazionale a stelle e strisce incontrerà la Croazia, in tourne in California dove disputerà quattro incontri ufficiali.
Tony Azevedo, membro della Hall of Fame della Atletica di Stanford, ha partecipato a cinque Olimpiadi, capitano della squadra USA, è considerato il miglior giocatore nella storia della waterpolo Usa.
«Non potrei essere più eccitato per giocare la mia ultima partita a Stanford – ha dichiarato in un’intervista pubblicata sul sito dell’Università di Stanford - , perché durante i miei quattro anni all'Università sono cresciuto come giocatore. All’università ho conosciuto mia moglie,  a Stanford, ho vinto quattro premi Peter J. Cutino come studente e sono nate le migliori amicizie della mia vita. Chiudere la mia carriera ufficialmente a Stanford è come vivere un sogno: con i miei ragazzi del Team USA, davanti ai tifosi USA e giocando contro Croazia, dove ho vissuto tre anni e dove è nato mio figlio».
Tony Azevedo è stato inserito nella Stanford Athletics Hall of Fame nel 2016, è stato quattro volte All-American e MPSF Player dell'anno, ha partecipato a cinque Olimpiadi, segnando 13 gol a Sydney nel 2000, 15 gol in Atene nel 2004, 17 gol a Pechino nel 2008, conquistando uno storico argento, 10 gol a Londra nel 2012 e cinque a Rio nel 2016.

 

07 / 06/ 17