Tappa ligure per l’Orizzonte Catania. Dopo la vittoria conseguita ieri sul Bogliasco, la formazione catanese si fermerà a Genova fino a lunedì, in vista dell’anticipo della decima giornata che le vedrà in trasferta a Milano. Dopodichè sabato 8 febbraio giocheranno in Spagna con il Sabadell gara uno dei quarti di finale dell’Euroleague.

Abbastanza curiosa, comunque, questa sosta genovese. Infatti c’è un filo sottile che lega l’Orizzonte al capoluogo ligure: Luca Locatelli, scomparso a soli 23 anni il primo gennaio del 2000 in un incidente stradale a Messina. Nato pallanuotisticamente nel Quinto, indossò quindi la calottina di diverse società fra cui il Paguros Catania (oggi non esiste più) dove venne in contatto con le ragazze dell’Orizzonte. L’Orizzonte di Silvia Bosurgi, di Martina Miceli, di Tania Di Mario, di Cinzia Ragusa, di Maddalena Musumeci.
Un legame di amicizia che oggi è rimasto fra la blasonata società pluriscudettata e l’Unione Sportiva Locatelli. Il tramite, neppure a dirlo, il suo primo allenatore, Stefano Carbone, oggi tecnico della formazione femminile genovese che milita in serie A2. «Quando mi hanno chiesto una mano per cercare un impianto dove allenarsi – ci ha confidato Carbone – non ho esitato a cercare una vasca disponibile per queste campionesse. Così domenica si alleneranno alle Piscine di Albaro, mentre lunedì saranno ospiti della Sciorba, dove ci sarà gran festa per la ricorrenza dei sette anni di gestione di My Sport. Una festa nella festa, insomma».
E dunque sembra ormai diventato di moda andare fuori sede ad allenarsi: il Recco prima delle vacanze di Natale era andato a Piacenza, adesso l’Orizzonte viene a Genova. Occasioni da non perdere.

Nella foto di Giorgio Scarfì
time out dalla partita Bogliasco - Orizzonte di ieri

02 / 02/ 20