Lerici piange la scomparsa di  Mario Perazzo. Grazie a lui, ai suoi tre anni (‘73/’75) trascorsi come dirigente al Lerici Sport, dove arrivarono grandi atleti da Firenze come Spinelli, Pieretti, Borracci e Pepino, grazie alla sua amabile capacità manageriale, la società ligure riuscì a salire in serie A.
Fu una stagione memorabile, con tutte vittorie, un record ancora imbattuto, che senza la determinazione e la indefessa dedizione di Perazzo non sarebbe stato possibile raggiungere. E’ stato un dirigente sportivo ineguagliabile e  impareggiabile, riuscendo a tenere unita la società e la città, sul perseguimento della serie A, fino a che il Lerici sport potesse avere nella sua città il suo campo di gara, la tanto agognata piscina olimpica. Con Mario Perazzo se ne va una bravissima persona, amante dello sport tutto, ma in particolare della pallanuoto, del Lerici sport e della città.

Nella foto
Mario Perazzo salutato affettuasamente da Eraldo Pizzo lo scorso autunno

05 / 08/ 20

Potrebbero interessarti