Autore


Roberto Brancaccio, all. Posillipo: «Siamo partiti molto bene con personalità e gioco, poi ci siamo fermati credendo di aver chiuso la partita e questi sono errori che non dobbiamo fare, già nella scorsa stagione ci hanno penalizzato. Alla fin la squadra ha saputo reagire, era importante cominciare con una vittoria e ci siamo riusciti, ma dobbiamo comunque crescere sotto l’aspetto mentale per evitare i black out come l’anno scorso».

Giuseppe Dato, All. Catania: «Oggi ho visto una squadra immatura che ha commesso troppi errori in fase di realizzazione. Non dobbiamo più concedere nulla agli avversari, nè tempi, nè minuti. Mi aspetto prima possibile un salto di qualità, perché ho notato che quando la squadra è più serena in campo è anche in grado di essere lucida e decisiva sotto porta. Atleticamente e fisicamente c’è, si deve migliorare l’aspetto mentale, diventando più aggressiva quando c’è da finalizzare e chiudere le partite»

Daniele Magalotti, all. Bogliasco: «Aldilà del risultato, ovviamente mai in discussione, sono comunque contento per le indicazioni ricevute dai ragazzi. Abbiamo provato a giocare sempre nonostante l'avversario che avevamo di fronte fosse la squadra più forte del mondo, allenata dal tecnico più forte di sempre. Occorre migliorare un po' di lucidità sull'uomo in più ma sostanzialmente sono contento dei miei ragazzi. Volevo dei dati per il futuro da una partita così e li ho ottenuti, sia in senso positivo che negativo. Ci sono stati errori a volte dovuti alla fretta altre volte alla stanchezza, ma sono cose che ci stanno. Il nostro campionato ad ogni modo comincerà sabato»

Ratko Rudic, all. Pro Recco: «C'era un po' di emozione ma è sempre così all'inizio di ogni competizione. Abbiamo fatto una buona gara in difesa, meno in attacco sbagliando troppe occasioni. Analizzeremo il match con i ragazzi, dalla partita ho tratto indicazioni utili per il nostro programma».

Marco Baldineti, all. Sport Management: «Siamo andati subito bene con un buon approccio alla gara che ci ha permesso di iniziare con un rassicurante 4-0. I ragazzi erano molto concentrati e hanno dato il meglio in una partita che non era comunque semplice e presentava delle insidie, perché giocare al Foro Italico è sempre particolare. Molto contento della prestazione dei ragazzi che hanno fatto una buona gara. Ora ovviamente dovremo recuperare al più presto le energie mentali e fisiche per prepararci al meglio alla partita di mercoledì contro l’Olympiakos».

Daniele Bettini, all. Trieste: «Abbiamo praticamente buttato via i primi due tempi. Dopo, sotto di 5 gol e anche senza Vico fuori per falli, abbiamo provato a rimontare con coraggio, ma nel finale ci è mancata un pò di lucidità. Dobbiamo imparare a gestire meglio alcune situazioni di gioco».

Roberto Tofani, all. Florentia: «C'è sicuramente un po' di delusione per come è maturata la sconfitta. Dopo una prima parte di gara giocata con tranquillità e un buon ritmo, abbiamo subito la loro aggressività, innervosendoci fin troppo per qualche decisione arbitrale. In un paio di occasioni abbiamo fallito il più tre per poi subire il pareggio e il sorpasso tra terzo e quarto tempo, dove noi siamo stati capaci di realizzare un solo gol. Nonostante le buone percentuali in inferiorità, siamo stati troppo lenti e prevedibili in attacco, senza mai riuscire a renderci davvero pericolosi»

Paolo Zizza, all. Canottieri: «Non sono queste le partite dove dobbiamo fare risultato, nonostante ciò ho comunque visto cose discrete assieme ad altre da migliorare. C’è molto lavoro da fare, in questi giorni recupereremo anche il nostro centroboa che ha subito un piccolo intervento chirurgico, meglio sicuramente ora che durante la stagione con incontri più alla nostra portata».
 

13 / 10/ 18