Autore


Russia-Canada 11-9

Russia: Karnaukh, Vakhitova, Prokofyeva 2, Karimova 1, Borisova 2, Gorbunova, Serzhantova 2, Simanovich, Timofeeva 1, Tolkunova, Ivanova, Ryzhkova 3, Ustiukhina.
All. Alexsander Gaidukov
Canada: Gaudreault, Alogbo, Crevier, Wright 3 (1R), Eggens 4 (2R), Christmas, Bekhazi 1, Lemay, McKelvey 1, Robinson, McKee, Fournier, Hage.
All. Haris Pavlides
Arbitri: Molnar (HUN), Putnikovic (SRB)
Parziali: 3-3, 4-2, 2-2, 2-2

Budapest – Bronzo in bilico fra le due formazioni fino alla metà del secondo quarto: poi la Russia va sul +2 ed il Canada sarà costretto ad inseguire fino alla fine, ma inutilmente. Finisce così 11-9 e la Russia torna sul podio mondiale dal lontano 2011, quando a Shanghai si piazzò alle spalle di Grecia e Cina, bissando però quello Olimpico di Rio. Il Canada, Eggens dipendente ed anche oggi incisiva,  dopo aver chiuso all’Ungheria la strada del podio, ha incassato due sconfitte inaspettate prima, concrete poi: Spagna e oggi Russia hanno tolto le velleità da medaglia a cui la formazione di Pavlidis aspirava. La Russia, dopo qualche anno di oblio, è tornata in alto: due bronzi consecutivi sono un bel biglietto da visita per gli europei del prossimo anno in programma a Barcellona.

Nell’allegato il play by play della finale



 

Nella foto
Alexsander Gaidukov

28 / 07/ 17