Autore

Non tutto il male viene per nuocere: adesso toccherà alle società rimboccarsi le maniche per produrre le partite in streaming. E finalmente si vedrà chi si saprà organizzare oppure, com’è successo fino a ieri, continuerà a piangersi addosso.
La Fin ha lanciato questa mattina il classico “sasso” nello stagno (meglio palude) pallanuoto: al di là delle due gare di A1 maschile e femminile che la stessa Federazione s’impegnerà a produrre in streaming, le società potranno (è un invito) riprendere le loro partite, inviare entro 24 ore il filmato alla stessa federazione (in HD, ripreso anche da una sola telecamera). Sarà quindi prodotto un servizio settimanale con tutti gli highlights delle partite. Non saranno più montati nelle varie piscine i “ledwall” con le pubblicità “girevoli” ma le telecamere si soffermeranno sulla pubblicità che ogni società avrà in piscina. Chiaro che le riprese non avranno commento in voce, anche se non tutto quel che accadrà in vasca potrà essere così percepito da chi vede.
Poca cosa, se si considera che questa “scommessa” della Federazione potrebbe avere una portata ben più importante delle canoniche partire trasmesse in televisione. Parliamoci chiaro: è il futuro e come sempre la pallanuoto percorrerà questa strada per prima, a questi livelli.
Certamente le società dovranno avere la consapevolezza di rispondere all’ “invito” di produrre le gare, dovranno capire come rendere le piscine gradevoli alla vista (è stato consegnato a tutte uno schema personalizzato delle loro piscine), dovranno finalmente smettere di improvvisare tutto.
Chi non risponderà all’appello che oggi Paolo Barelli ha lanciato alla presentazione dei campionati, non potrà fare altro che prendersela con se stesso.
La partite che la Federnuoto deciderà di trasmettere saranno riprese dal canale Sportube.tv, che già trasmette volley e Lega Pro di calcio.
E già questo sabato con la prima giornata andranno in onda “live” Bogliasco 1951 - RN Savona di A1 maschile e Orizzonte-Rapallo di A1 femminile.
Non solo: cadendo la cessione dei diritti alla Rai, chi vorrà potrà anche produrre e trasmettere in diretta streaming o su televisioni locali le gare in programma.
Durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina a Roma, è stato presentato il nuovo partner della FIN, Sportube, che trasmetterà 44 partite in diretta streaming, realizzerà approfondimenti e servizi settimanali a portata di clik. Si comincia, come abbiamo già detto, sabato 15 ottobre con Bogliasco-Savona e Orizzonte-Rapallo. «Un progetto che volevamo realizzare da tempo – ha spiegato Paolo Barelli durante la conferenza stampa - e che si pone come obiettivo finale la copertura totale delle partite dei campionati. Un percorso che ci vede al passo con i tempi e che va ad aggiugersi al servizio televisivo di Raisport, che rimane il nostro partner tradizionale».
Bisogna comunque sottolineare che, in mancanza di una Lega, vista l’incapacità delle società ad organizzarsi, la FIN questa volta ha fatto lei da “lega”. E adesso vedremo cosa saranno in grado di fare le società.
Altra novità emersa durante la presentazione dei campionati è la modifica delle sanzioni per l'infrazione al regolamento che prevede tre stranieri in acqua e quattro a referto: non più sconfitta 5-0 a tavolino ma sanzione equiparata al fallo di brutalità ( espulsione definitiva del giocatore, tiro di rigore, e quattro minuti con l'uomo in meno).
Infine non si può che esprimere un parere più che positivo per la pubblicazione della consueta “Guida ai Campionati” che l’Ufficio Stampa ha prodotto anche quest’anno e distribuito ai presenti. Un lavoro certosino, utilissimo per chi deve raccontare la pallanuoto sulla carta stampata o su internet.

Il programma della prima giornata di campionato cliccando qui >>>http://waterpoloitaly.com/conten...

12 / 10/ 16