Autore

Guardare avanti è l’imperativo di questi giorni. La Lega Dilettanti non solo guarda alla prossima stagione, ma addirittura alle prossime due e al futuro della pallanuoto, dilettantistica o federale che sia.
Dopo l’annuncio dell’annullamento dei Campionati PNI 2019/2020 e delle misure economiche già previste per le società partecipanti, Alessandro De Tursi, presidente della Lega Dilettanti PallaNuotoItalia, fissa i paletti di un investimento che andrà a rivoluzionare la Coppa delle Coppe, il trofeo destinato alle migliori squadre delle serie più adulte del Campionato PallaNuotoItalia, spostato per forza di cose ad ottobre 2021, quindi a seguito della prossima stagione che, si spera, si giocherà ordinariamente.

La Coppa delle Coppe innanzitutto aumenterà il montepremi in palio per le 6 squadre partecipanti (accedono di diritto le società prime classificate delle categorie dalla Master Lega Pro a scendere quindi, stando alle categorie attuali, Master Lega Pro, Master B, Master C, Seniores U21, Juniores U18 A, Juniores U18 B): dopo le 15 partite (girone di sola andata), la prima classificata si aggiudicherà € 1.700, la seconda € 1.500, la terza € 1.300, la quarta € 1.100, la quinta € 900 e la sesta € 700, ricevendo quindi tutte un ritorno economico o quanto meno il pareggio delle spese di partecipazione per un torneo a costo zero cui si aggiungerà una novità assoluta per le società PallaNuotoItalia.

Ai 7.200 euro di montepremi, la Lega Dilettanti infatti aggiungerà altri 15.000 euro per l’ingaggio, per le sole partite di Coppa, di 6 giocatori di Serie A2 federale che andranno ad aggiungersi alle rose delle 6 squadre partecipanti, uno per squadra. La scelta di questi giocatori di livello sarà effettuata nel corso della prossima stagione da due “procuratori” d’eccezione, Daniele Bettini, allenatore della Pallanuoto Trieste di Serie A1 e direttore della Scuola Nazionale PNI, e Marco Sbolgi, anch’egli tecnico di grande esperienza alla RN Bogliasco, che selezioneranno i sei giocatori che, dopo la firma di un regolare contratto redatto dal giudice sportivo di PallaNuotoItalia avv. Christian Moretti, giocheranno per le società iscritte alla Coppa delle Coppe con un compenso di € 500 a partita. Le squadre partecipanti al torneo, a cominciare da quella più “giovane” e quindi sulla carta meno esperta, avranno il diritto di scegliere il giocatore che più risponderà alle loro esigenze e averlo dunque in rosa per le 5 partite di questo cammino intenso che si concentrerà in tre weekend a ottobre 2021 presso il Centro Sportivo Quadri di Treviglio.

«In questo modo la Lega diventa strategica e sinergica per le società e per gli atleti di Serie A2 che verranno scelti per le loro caratteristiche tecniche ma anche di sportività e lealtà» commenta De Tursi.
Sono ad esempio già state previste anche delle multe da € 100 a € 300 per quegli atleti che riceveranno sanzioni pesanti durante le partite di Coppa, a dimostrazione che tutto verrà regolamentato e che si tratta di un progetto molto articolato per lo sviluppo di una proficua collaborazione e unione tra pallanuoto dilettantistica e federale.

18 / 05/ 20