L’esempio, come sempre, viene da chi crede nella pallanuoto: la Keel Beach Waterpolo Cup, quest’anno sbarca sul mare Adriatico. Disputata sempre in Serbia, quest’anno grazie a due “promoter” olimpici come Ivan Buljubasic e Andrija Prlainovic, si giocherà anche in mare, a Gradac (Croazia) e Herceg Novi (Montenegro). E coinvolgerà anche gli juniores.

Questo il calendario:
Gradac (Croazia), giugno 26/28
Odzaci (Serbia), luglio 25 (solo per juniores)
Cacak (Serbia), agosto 1°
Bela Crkva (Serbia), agosto 7/9
Herceg Novi (Montenegro), settembre 5/6

«Dopo molti tentativi di arrivare al mare, ci siamo riusciti – ha dichiarato al sito Total Waterpolo il direttore della manifestazione Nenad Tomic -. Giocheremo in due posti meravigliosi del Mare Adriatico (Gradac e Herceg Novi) che dimostrano così di amare la pallanuoto. Ed è importante che  Croazia e Montenegro abbiano sfatato la nostra tardizione di giocare solo in Serbia. Sono felice e orgoglioso perché dimostreremo ancora una volta che la pallanuoto è uno sport bellissimo che deve essere praticato nella stagione estiva ovunque sia possibile. Quest'anno avremo due campioni olimpici come promoter: Ivan Buljubasic e Andrija Prlainovic . A dimostrazione che confermiamo un concetto importante, specie in questi tempi: ciò che stiamo facendo è a favore della pallanuoto e del turismo».

Al contrario di ciò che fa la FIN: ancorata a vecchi stereotipi, incapace di pensare oltre le “sue nazionali”, pur avendo a disposizione 7900 chilometri di coste italiane disseminate di bandiere blu, si fa abbagliare dalla sua miopia, negando anche la possibilità di dare un piccolo incremento al settore turistico, in questo periodo in grande sofferenza.

L’ultima data utile per iscriversi al torneo è il 20 giugno. Per iscriversi contattare via email l’organizzazione (keelcup2020@gmail.com ).

Nella foto d'archivio
la Beach Waterpolo nel mare di Recco nel 1997

 

06 / 06/ 20