Ha ritrovato l'aria di casa: nato a Santa Margherita Ligure, sbocciato pallanuotisticamente nella Rari nates Camogli, questa mattina si è presentato a Sori per il suo primo allenamento con la calottina biancoceleste.
Luca Cupido è da oggi un giocatore della Pro Recco, come avevamo già annunciato il 4 settembre dello scorso anno (http://waterpoloitaly.com/content/recco-incredibile-ecco-luca-cupido-ita...).
Allora la certezza non c'era in quanto appena laureato in architettura era in attesa di un'offerta di lavoro. Quelle ricevute, però, non lo hanno soddisfatto così è rientrato in patria. Cinque anni negli USA però sono serviti sia dal punto di vista scolastico che da quello sportivo: infatti non ha abbandonato la pallanuoto anzi, sfruttando la nazionalità di sua madre che è americana, è stato subito convocato nella nazionale a stelle e striscie, con cui ha giocato anche le amichevoli di dicembre contro il Settebello e con cui disputerà i prossimi mondiali.

Il suo ricordo però nel Golfo Paradiso è vivo: con il Camogli ha vinto diversi titoli giovanili, ha esordito in A1 ed in nazionale.
«Sono stato accolto benissimo, mi sono sentito subito a mio agio in acqua nonostante il fuso orario da smaltire - commenta Cupido -. Sono arrivato in una squadra di grandi campioni e sono entusiasta di poter imparare da loro in ogni allenamento. Io darò il meglio di me stesso, sono pronto a giocare in qualsiasi posizione voglia mister Rudic. Non è semplice arrivare a stagione iniziata, ma con compagni di questo livello tutto sarà più facile".
Cupido ha passaporto statunitense: potrà essere utilizzato solamente in Champions League. «L'anno scorso la coppa è sfuggita di poco – conclude il campione italo americano -. È una competizione molto diversa rispetto al campionato, c'è maggiore intensità e le squadre sono più preparate».



 

07 / 01/ 19

Potrebbero interessarti