Una stagione disputata ad altissimo livello in Spagna, al Sabadell, una delle società più quotate d’Europa. Ed ora il rientro per tornare a giocare in Italia, ma non nella sua Padova, bensì a Catania, per indossare la calottina di quella società che il Padova ha sempre provato a spodestare dal podio. Un sodalizio, quello isolano che, malgrado la pandemia –che ha fermato ogni competizione sia in campo nazionale che internazionale– ha fatto di tutto per non arrestare quel continuo percorso di rinascita che va avanti ormai da diversi anni e che nel 2019 l’ha portata ad aggiudicarsi lo Scudetto della seconda stella, la prima Coppa Len e la seconda Supercoppa.  

Tesserare Laura Barzon, nata a Padova nel 1992, in arrivo proprio dal Sabadell, con cui ha fatto in tempo a vincere da protagonista una Coppa di Catalogna qualche mese prima che arrivasse il lockdown anche in Spagna e capace, in precedenza, di vincere ben quattro scudetti di seguito nelle file del Plebiscito Padova, oltre al bronzo conquistato con il Setterosa ai Mondiali di Kazan, rappresenta quindi un autentico colpaccio per il sodalizio etneo.

 «Sono contenta di iniziare una nuova stagione col Catania, uno dei club più titolati d’Europa –ha rimarcato Laura Barzon al suo arrive in Sicilia– rtornare in Italia non è stata una scelta facile per me, visto il mio passato da “avversaria” nelle grandi sfide per la lotta agli scudetti e alle coppe europee, ma la mia scelta parte soprattutto da una mia voglia di mettermi ancora in sfida con me stessa, con il mio carattere e la mia personalità. L’esperienza all’estero della scorsa stagione mi ha formata e aiutata tantissimo a rivalutarmi su molti aspetti, da giocatrice e non. Lo stop causato dal Covid mi dà la speranza di una nuova ripartenza e di rivivere le bellissime emozioni della pallanuoto giocata ad alti livelli. Con questa mia nuova consapevolezza e le ambizioni dell’Orizzonte spero di dare il supporto giusto per raggiungere grandi obiettivi. Conosco quasi tutte le ragazze della squadra, con loro ho condiviso fin da piccola tanti momenti con la nazionale. Non vedo l’ora di iniziare».

Laura Barzon
nella foto di Rosario Turrisi 

25 / 06/ 20