Autore

I social servono anche a questo: annunciare un avvenimento al mondo. Così Piero Vannucci, amico di Gianni De Magistris, ha reso pubbliche le dimissioni del campione dalla Florentia con un post sulla pagina facebook del grande "Dema".
Decisione che era nell’aria: le divergenze di idee che separavano il “Gianni Nazionale” dalla dirigenza del club gigliato erano ormai diventate insanabili.
Questo i testo del post:

GIANNI DE MAGISTRIS (ri)lascia la pallanuoto fiorentina. Era immaginabile. Uno sportivo come lui che in altre discipline avrebbero probabilmente definito “la leggenda” (diversi titoli italiani nel nuoto e nella pallanuoto, un oro mondiale, un argento olimpico – in una delle sue cinque Olimpiadi – successi e medaglie come coach, anche nella pallanuoto femminile), non può certamente rischiare di “galleggiare” vivacchiando nel campionato di A1 verso il quale ha condotto quest’anno la squadra della Rari Nantes.
Non entro nel merito delle probabili discussioni con il presidente Pieri (non solo perché sono amico di entrambi) sul futuro della squadra, mi limito a constatare anche oggi, con grande dispiacere, che a Firenze uno sport che non sia il calcio, non ha possibilità di sviluppo.
I tifosi del calcio si lamentano della Fiorentina ?
E quanti altri sport che hanno scritto qualche bella pagina nella storia di Firenze (ci metto anche la pallavolo ovviamente) potrebbero essere riportati in alto con l’investimento di una parte infinitesimale di quei valori di mercato esagerati di cui sia parla proprio in questi giorni riguardo a (forse futuri) campioni del calcio.
Possibile mai che il Comune di Firenze, durante tutte le trattative con i Della Valle per lo sviluppo del “progetto”, non si sia mai posto questo obiettivo in maniera concreta? E comunque “Grazie Gianni”, e comunque Forza Rari!

 

22 / 07/ 17