Autore

FINALI - 07/04/2018

Classifica finale

1° Croazia, 2° Spagna, 3° Italia, 4° Serbia, 5° Montenegro, 6° Ungheria, 7° Grecia, 8° Francia.

7° posto
Grecia-Francia 12-4
Grecia: Flegkas, Genidounias, Skoumpakis, Dervisis 1, Fountoulis, Kapotsis 2, Pontikeas 1, Argyropoulos 2, Mourikis, Kolomvos 1, Gounas 3, Vlachopoulos 2, Zerdevas.
All. Theodoros Vlachos
Francia: Fontani, Saudadier, Olivon, Vernoux, Khasz, Denux, Canonne, Izdinsky, Marion, Dino 1, Vanpeperstraete 3, Lepoint, Garsau.
All. Nenad Vukanic
Arbitri: Ivanovski  (MNE), Stanojevic (SRB)
Parziali: 4-2, 2-1, 3-1, 3-0

Grecia al settimo posto. Questo il verdetto della prima finale in programma. Francia che comunque ha fatto una bella esperienza in una manifestazione dove si è trovata di fronte i "mostri" sacri della pallanuoto europea. Ed in quest'ultima gara Vukanic butta in vasca dal primo minuto il secondo portiere Fontani. Giusta esperienza anche per lui. Per la Grecia, che aveva chiuso a pari punti di Serbia e Croazia (quest'ultima superata 6-4) il girone preliminare, la Super Final è stata un pò una delusione: dopo la battaglia con la Spagna ha ceduto con il Settebello per poi chiudere alla pari con l'Ungheria.

***   ***   ***   ***   ***

5° posto
Ungheria - Montenegro 7-15

Ungheria: V.Nagy, Torok, Manhercz 2, Zalanki, Vamos 1, Mezei 1, D.Jansik, Angyal, A.Nagy, Batori 1, Bedo 1, Vadovics 1, Vogel.
All. Tamas Marcz
Montenegro: Scepanovic, Dr.Brguljan 2, Banicevic, Petkovic, D.Radovic 1, A.Radovic 2, Draskovic 1, Djurdjic 6, Popadic, Misic 2, Cuckovic 1, Spaic, Lazovic.
All. Vladimir Gojkovic
Arbitri: David (FRA), Vlasic (CRO)
Parziali: 2-4, 1-2, 2-6, 2-3

Prova di forza del Montenegro che, lasciato fuori il suo giocatore più di spicco, Alex Ivovic, strapazza la giovane Ungheria in modo quasi inaspettato, grazie sopratutto alla verve di Djurdjic che mette a segno ben sei reti. Partenza bruciante dei montenegrini che si portano subito sul 2-0, l'Ungheria accorcia, ma loro riprendono il largo chiudendo il primo tempo sul +2. Vantaggio che in chiusura di seconda frazione aumenta a +3. Il terzo quarto è dirompente: i magiari incassano ben sei reti, incapaci di reagire come spesso accade quando vanno sotto. Montenegro dunque al quinto posto in questa prima edizione di Europa Cup. Ungheria con qualche cosa da rivedere.

***   ***   ***   ***   ***

3° posto
Italia - Serbia 10-9
Tabellino e commento al link: http://waterpoloitaly.com/conten...
Le dichiarazioni del ct Campagna al link: http://waterpoloitaly.com/conten...

***   ***   ***   ***   ***

1° posto
Spagna - Croazia 9-12

Spagna: Lopez Pinedo, Munarriz 3, Granados 1, Del Toro, Larumbe 1, Minguell, Cabanas 1, Espanol 1, Tahull, Fernandez, Mallarach 2, Bustos, Lorrio.
All. David Martin
Croazia: Bijac, Macan, Fatovic 6, Loncar, Jokovic 1, Marinic-Kragic, Vukicevic 2, Buslje 1, Benic, Vrlic 1, Setka, X.Garcia 1, Marcelic.
All. Ivica Tucak
Arbitri: Colombo (ITA), Achladiotis (GRE)
Parziali: 1-2, 4-4, 1-3, 3-3

Il primo oro della neonata Europa Cup se lo aggiudica la Croazia padrona di casa trascinata da uno strepitoso Fatovic, man of the match con ben 6 reti complessive. Davanti al proprio pubblico i vincitori degli ultimi Mondiali infilano 4 vittorie su altrettante partite, tutte convincenti, segno che il lavoro di ricostruzione degli ultimi anni ad opera di Tukak sta dando i suoi frutti. La Spagna comunque si conferma avversario coriaceo, non sfigura assolutamente in questa finale pur con la consapevolezza che i vincitori sono di ben altra pasta, ma gli iberici work in progress faranno parlare di se, nonostante il gap non consentono mai ai vincitori di dilagare.
Per arginarli sono costretti a concedere qualche espulsione di troppo e a farne le spese sono Bustos a fine terzo tempo e Minguell a inizio quarto. Reggono comunque bene la fisicità dei balcanici che si dimostrano cecchini quasi infallibili con l’uomo in più ma di contro subiscono qualche rete di troppo a uomini pari. La stanchezza si fa sentire per entrambe le squadre sul finale, dopo l’ennesimo gol di Fatovic che fissa il risultato l’ultimo minuto e mezzo scorre in attesa della sirena.



Nella foto
David Martin, ct della Spagna

08 / 04/ 18