CC Ortigia - RN Savona 9-4

CC Ortigia: Patricelli, Siani, Abela, Jelaca 1, Di Luciano 2, Lindhout 2, Tringali, Giacoppo 1, Vapenski 2, Casasola, Napolitano 1, Caruso, Rotondo.
All. Stefano Piccardo
RN Savona: Soro, Novara, Damonte 1, Steardo 1, Bianco, Ravina, Piombo, Milakovic 1, Bianco, Colombo, Guimaraes 1, Teleki, Missiroli.
All. Alberto Angelini
Arbitri: Petronilli, Severo
Parziali 2-2, 2-0, 4-1, 1-1
Note: nessuno uscito per limite di falli. Spettatori 1000 circa.

Siracusa - Il secondo quarto di finale in programma alla Caldarella di Siracusa vede in vasca i padroni di casa dell’Ortigia con la Rari Savona. Sessantaseiesima volta che le due squadre si incontrano in serie A1: 32 le volte che le due squadre si sono incontrate a Siracusa, dove si registrano 7 vittorie degli aretusei, 17 del  Savona e 8 pareggi. Gran bella partita che ha divertito gli oltre mille presenti in piscina, in una serata “tipica” per la pallanuoto giocata all’aperto. L’Ortigia di Stefano Piccardo si gioca il tutto per tutto per agganciare l’Europa Cup:  ed il colpo riesce perchè gli aretusei affondano 9-5 il Savona.
Sostanzialmente equilibrato il primo tempo: aretusei avanti sul 2-0 con Vapenski e Di Luciano (splendida controfuga), poi il ritorno del Savona che trova il pari prima della sirena con Guimares e Damonte. L’Ortigia insiste, vuole la semifinale: contiene bene gli avanti liguri, e nello stesso tempo riesce ad affondare per due volte con Napolitano e ancora Di Luciano. A metà gara aretusei in vantaggio di due reti (4-2). Stacco dell’Ortigia nella terza frazione: Savona cerca un po’ troppo il contatto fisico e subisce per due volte le reti di Lindhout e Jelaca in superiorità. Damonte e Guimares non incidono più di tanto, e, nonostante la rete di Milakovic, subiscono ancora la rete di Lindhout e vapenski (in superiorità). Angelini urla ai suoi, il passivo è pesante (-5) e la semifinale si allontana. Ultima frazione senza grosse emozioni: Savona sembra rassegnata alla sconfitta, gioca senza convinzione, e sbaglia diverse occasioni in attacco. L’Ortigia, spinta da un pubblico che raramente si “sente” nelle nostre piscine, gestisce al meglio il vantaggio. Steardo realizza la quarta rete per il Savona, ma sarà ininfluente ai fini del risultato. Ortigia, ormai padrona della gara e standing ovation per il suo capitano, Massimo Giacoppo, che ralizza la nona rete e consacra la vittoria dei biancoverdi. Domani la Pro Recco, mentre per il Savona finale per il 5° posto con la Canottieri Napoli.

Nella foto
Boris Vapenski

 

25 / 05/ 18