Autore


Spagna – Italia 6-10

Spagna: Aguirre, Valera 1, Biel 1, Ponferrada, Arizaga, Ramon, Andrade 1, Aznar,  Valls, Gascon, Daura 3, Casabella, Matarredonda.
Italia: Spinelli, Cassia 2 (1R), Mladossich, Gianazza 1, Occhione, Condemi, Caldieri, Silvestri, Iocchi Gratta 1, Ferrero 5 (3R), De Gregorio, Parrella 1, Castorina.
Arbitri: Bura (CRO), Haentschel (GER)
Parziali: 1-2, 2-1, 0-3, 3-4

Tbilisi – Una domenica che la storia della nostra pallanuoto dovrà incorniciare. L’Ital Junior è campione d’Europa. Una medaglia fortemente voluta da questi meravigliosi ragazzi e dedicata al loro coach che improvvisamente li ha lasciati: Nando Pesci. La squadra ha compiuto una cavalcata straordinaria tagliando il traguardo al primo posto del suo girone, quindi ha superato la Germania nei quarti, la Grecia in semifinale, la Spagna in finale. Analogie con i “fratelli” azzurri maggiori? Certamente, ma la carica di questi under 17 deve servire da monito a tutti i ragazzi che decidono di intraprendere questa strada. Ma anzichè passarsi l'estate a scattarsi dei selfie, loro hanno preferito allenarsi e poi volare nella lontana Russia per le finali. Certamente  significa sacrificio, significa rinunciare alle sospirate vacanze. Ma significa anche avere uno scopo nella vita, che alla lunga li ripagherà. E oggi hanno già avuto un grosso anticipo, con un oro meritatissimo.

La partita è iniziata bene per gli azzurrini che nel secondo quarto hanno dovuto incassare il ritorno della Spagna. Lo stacco nel terzo tempo, quello della “verità”: difesa  perfetta, poi due cinque metri trasformati da Ferrero e Cassia, ma nel mezzo la controfuga del bogliaschino che poi smarca l’aretuseo per la più classica delle reti. Un parziale di 3-0 che taglia le gambe alla Spagna. Nell’ultimo quarto gli iberici cercano di colmare il gap: ma l’Italjunior è attenta e non sbaglia una mossa. La sirena sancisce che l’oro europeo è loro.

I Campioni d'Europa

Matteo Iocchi Gratta (Roma Vis Nova)
Alessandro Balzarini e Tommaso Gianazza (AN Brescia)
Alessio Caldieri (RN Savona)
Andrea Mladossich (PN Trieste)
Francesco Cassia (CC Ortigia)
Davide Occhione (Telimar Palermo)
Jacopo Parrella e Luca Silvestri (CN Posillipo)
Roberto Spinelli (RN Arechi)
Filippo Ferrero (Bogliasco 1951)
Francesco Condemi e Luca Castorina (Nuoto Catania)
Alessandro Carnesecchi (RN Florentia)
Daniele De Gregorio (AS Acquachiara)

Le altre finali

3° posto
Ungheria-Grecia 10-4

5° posto
Montenegro-Serbia 11-10

7° posto
Russia-Germania 4-12


 
18 / 08/ 19

Potrebbero interessarti