Da sempre è abituato a lottare. Ed a vincere. Ed anche questa volta Dejan Savic, ct della Serbia campione olimpico,  l’ha spuntata. Alla grande. L’avversario, il covid 19, era subdolo. Ma lui ha vinto.  
«Non c'è molto da dire – ha dichiarato al sito federale serbo -. Tutti devono comportarsi in modo responsabile. Non è uno scherzo».

Quindici giorni fa i primi sintomi, sopratutto febbre alta: il tampone, quindi la positività. E’ rimasto in isolamento per quattordici giorni: ripetuti gli esami oggi ne è fuori.
Dopo il suo caso, ed i controlli a tappeto a tutti i componenti della nazionale serba che era in collegiale, c’erano stati i casi di positività di Nemanja Vico e Drasko Gogov, entrambi giocatori della Pallanuoto Trieste. Vico ne è uscito anche lui bene, Gogov invece è in quarantena da una settimana.

Ecco cosa vuol dire fare i controlli: cosa che alla nostra federazione riesce un po' difficile da capire.
 

05 / 07/ 20