Autore


Roberto Brancaccio, all. Posillipo: Era partita determinante ai fini della classifica, i ragazzi sono stati bravi in un momento di difficoltà sia per le assenze sia per il recupero in extremis di Gigi Foglio. Sono stati tutti determinati. Alla fine siamo un po’ calati nella prestazione incassando due pericolosi gol, probabilmente per la stanchezza dei primi tre tempi e mezzo dove abbiamo speso tantissime energie. Oggi era però importante il risultato più che la prestazione. I miei complimenti vanno a tutta la squadra e allo staff per aver ottenuto questo risultato.

Simone Aversa, all. Torino'81: Siamo stati poco fluidi e lenti nella gestione della palla in attacco. Abbiamo subito la loro difesa a zona e non siamo riusciti ad attaccarla a dovere. Dall'altra parte abbiamo subito poco disputando una prova difensiva discreta. L'unico rammarico riguarda le condizioni di Aldi, che ha giocato con nonostante un problema alla schiena e la sua prestazione ne ha risentito. La cosa più importante ora è recuperarlo al 100%.

Stefano Piccardo, all. Ortigia: Orgoglioso di questi ragazzi. Difesa ottima e buona prestazione contro una corazzata che nulla perdona. Naturalmente non sono queste le partite del nostro campionato. Guardiamo alla Lazio e al Catania. Da lì passa la nostra serie A.

Paolo Iacovelli, all. Acquachiara: Partita davvero eccellente, i ragazzi sono stati bravissimi in ogni zona del campo e anche oggi hanno fatto registrare confortanti progressi. Complimenti soprattutto ai più giovani, tutti all'altezza della situazione, ma anche i più esperti sono stati molto bravi. Nell'ultimo tempo abbiamo giocato con una formazione tutta Under 20, e anche questo è motivo di soddisfazione

Roberto Tofani, all. Florentia: Onore e merito all’Acquachiara che si battuta con orgoglio fino alla fine. Mi aspettavo qualcosa in più da parte dei ragazzi, ma va bene così. Probabilmente la trasferta e la pausa hanno condizionato l’inizio gara un po’ sotto tono. Faccio loro comunque i complimenti perché nel secondo tempo hanno reagito e trovato le giuste motivazioni per portare a casa i tre punti. Al di là del risultato non è stata una prova all'altezza delle nostre possibilità.

Andrea Brazzatti, all. Trieste: Questi tre punti fanno benissimo al morale, sono stati giorni non semplici per la società, ma la squadra ha risposto sul campo, con una ottima prova. Sono contento soprattutto per i ragazzi, hanno lottato come leoni, è stato bello vederli sorridere a fine gara.

Daniele Bettini, all. Bogliasco: E' una brutta sconfitta che ci fa tornare a casa con le pive nel sacco. C'eravamo detti che avremo voluto terminare il torneo con qualche vittoria esterna, tra cui proprio quella di oggi a Trieste ma così non è stato. Evidentemente loro sono stati più bravi e concentrati di noi forse anche perché stimolati dal recente cambio in panchina. È stata una gara equilibrata e combattuta, ma, come detto, alla fine l'ha portata a casa chi ci ha creduto di più. Ora lasciamoci subito alle spalle questa brutta prestazione e pensiamo a preparare al meglio la prossima delicatissima trasferta, quella di sabato a Firenze. Per noi potrebbe essere l'ultima occasione di evitare i playout a 3 squadre.

Giuseppe Dato, all. Catania: Una vittoria importante, abbiamo mantenuto il controllo anche in momenti difficili, merito di un avversario tosto che ci ha permesso di mettere in mostra una maturità importante, visto  il break decisivo dell'ultimo quarto grazie al quale abbiamo vinto in tranquillità. Sono soddisfatto perché oggi c'è una squadra e c'è soprattutto un gruppo che fa cose per bene, si nota soprattutto con un avversario che fino ad ieri era considerato la sorpresa del campionato. Guardiamo al futuro con serenità, abbiamo un obiettivo, dobbiamo rimanere umili ma se raggiungiamo il prima possibile la salvezza possiamo pensare ad un piazzamento importante, stabilendo un record storico per la Nuoto Catania.

Claudio Sebastianutti, all. Lazio: Abbiamo giocato male, approcciando la gara in maniera scorretta. La mia squadra ha commesso errori sia in difesa, sia in attacco. Il Catania ha meritato la vittoria, ora ci rimbocchiamo le maniche, dobbiamo lavorare per arrivare al fatidico incontro con il Posillipo in casa con un vantaggio rassicurante sui napoletani. Ciò vuol dire fare risultato nelle prossime due gare contro Ortigia e Canottieri. Uniti ce la possiamo fare.

Nella foto
Giuseppe Dato

14 / 04/ 18