Autore


È giunta al termine la marcia di avvicinamento al campionato di Serie A2 femminile di pallanuoto. La Cosenza Pallanuoto, che punta a ripartire dal settore giovanile per replicare i successi del decennio passato, sarà guidata dal tecnico Francesco Fasanella (nella foto).
L’allenatore è stato per anni al fianco di Andrea Posterivo prima e, di seguito, del neo vincitore della Coppa Italia Marco Capanna e si presenterà ai nastri di partenza con una rosa di qualità, impreziosita da tanti talenti in orbita nazionali giovanili e da un nuovo innesto. 
La stella della squadra sarà Giusi Citino, centroboa che per attaccamento alla calottina rossoblu ha rifiutato molte offerte dalla categoria maggiore. 
Insieme a lei sono rimaste a Cosenza Claudia Presta, Benedetta Garritano, Francesca Greco, Martina Gallo e Angela Manna, e al loro fianco rientra Sara Zaffina, già reduce in passato dalla promozione in A1 e da alcuni campionati nella massima categoria. La rosa sarà completata dal portiere Francesca Sena, recentemente convocata in nazionale giovanile, da Federica Nisticó, che ha già collezionato apparizioni nei collegiali azzurri, e dalle giovanissime Beatrice Gallo, Sofia Ferriero e Celeste Basile. In gruppo ci saranno anche Federica Morrone e Cristina Malluzzo, le due atlete più giovani della rosa, ma che hanno già preso parte ad un raduno della nazionale e di cui si dice un gran bene. In giornata invece è arrivata a Cosenza Daniela Rose Screnci. La giovane attaccante americana, classe 1994, ha prima giocato a lungo nella Long Beach State, mentre nella passata stagione è stata protagonista di qualche apparizione con il Messina. La giocatrice, naturalizzata italiana, aggiungerà forza e talento alla rosa, e per la Serie A2 è un innesto di tutto rispetto. L’ambiente è quindi in fermento e il tecnico rossoblu è pronto all’impegno che domenica vedrà l’esordio in casa della sua squadra contro la Brizz. 
«Inutile dire che c’è tanta voglia di iniziare –commenta Fasanella– perché dopo mesi di lavoro parlerà il campo e vedremo di che pasta siamo fatti. Non conosciamo i prossimi avversari, ma siamo consapevoli dei nostri mezzi e sono certo che ci faremo trovare pronti”. Il tecnico di sofferma sul valore della rosa. “Ho a disposizione una squadra con qualità ed esperienza ma anche con tante giovani interessanti. Dobbiamo essere bravi a gestire la crescita del gruppo e a non porci obiettivi. Bisogna giocare gara dopo gara con la voglia di migliorarci e accumulate esperienza perché la nostra missione è la crescita delle atlete che abbiamo è solo questo processo può portare risultati».

 

09 / 01/ 19