Autore


Roberto Brancaccio, all. Posillipo: Nei primi due tempi abbiamo subito ben tre gol in controfuga ma è stato importante mantenere la tranquillità che ha permesso, nei restanti due tempi, al nostro gioco di venire fuori, così come era accaduto la settimana scorsa a Trieste. Determinante dunque, il quarto tempo dove la calma e la concentrazione ci hanno permesso di portare a casa la partita

Daniele Bettini, all. Bogliasco: Male, molto male, abbiamo fatto un'ottima gara per tre tempi poi incredibilmente siamo spariti dalla vasca lasciando giocare solo i nostri avversari. Poteva essere la gara della svolta, è stata invece quella che probabilmente ci condanna ai playout. Guai tuttavia a mollare gli ormeggi in queste ultime gare. Il nostro compito deve essere ora quello di evitare quanto meno gli spareggi a tre squadre che per come si stanno mettendo le cose non sono affatto così improbabili.


Giuseppe Dato, All. Catania: Se pensiamo agli avversari che abbiamo affrontato il punteggio poteva ritenerci soddisfatti, io invece sono molto dispiaciuto perché ha pesato troppo sull’esito della gara il metro arbitrale, fatto di piccole cose ma decisive che hanno influenzato l’andamento della gara. Meritavamo qualcosa di più, con tutto il rispetto del Verona. La squadra è cresciuta tanto da inizio stagione, siamo un gruppo giovane, non di età ma soprattutto perché assemblato da poco, ma so di allenare ogni giorno gente esperta e intelligente che è maturata fino a questo punto.

Marco Baldineti, all. Sport Management: stiamo prendendo troppi gol e questo è un problema da risolvere. È impensabile che tra Lazio e Catania abbiamo preso 23 gol sono veramente tanti e adesso bisogna cercare di recuperare un assetto difensivo migliore e subire un po’ meno. La partita non penso sia stata mai in discussione, ma non possiamo permetterci di prendere così tanti gol, sono cose che una squadra come la nostra non deve fare. Le partite quando abbiamo giocato bene sono state tutte quelle in cui siamo riusciti a tenere gli avversari bassi nel punteggio, con grande applicazione difensiva di tutti, se manca questo è difficile.

Simone Aversa, all. Torino'81: Un divario persino esagerato per quello che si è visto in acqua. Siamo stati bravi a risalire la china fino al -2 quando mancavano 7 minuti alla fine ma poi abbiamo pagato troppi errori nel finale. Nel complesso ho visto una squadra più quadrata rispetto ad altre volte e che non ha rinunciato a giocare la sua pallanuoto nonostante davanti si trovasse un avversario più forte. Abbiamo creato parecchio gioco e lo dimostrano il numero di espulsioni conquistate, anche se poi non le abbiamo sfruttate. Dobbiamo gestire meglio proprio le situazioni di superiorità numeriche. Abbiamo segnato troppo poco con l'uomo in più e questi sono errori che alla fine paghi sempre a caro prezzo.

MIroslav Krstovic, all. Trieste: Sono comunque abbastanza soddisfatto abbiamo retto bene in difesa e anche in attacco abbiamo prodotto qualche bella iniziativa. Poi alla lunga loro si sono dimostrati ovviamente più forti.

Claudio Sebastianutti, all. Lazio: Peccato per la sconfitta, c'era voglia di riscatto e di rivincita dopo il ko dell'andata. I ragazzi erano carichi prima dell'inizio della gara, ma siamo scesi in campo disordinati, per questo motivo mi assumo il 90% delle colpe di questo stop. Il gioco è stato troppo macchinoso e anche alcune decisioni arbitrali hanno influito sulla nostra manovra. Abbiamo subito troppi contropiedi che hanno messo la gara tutta in salita. Nel terzo tempo ci siamo ripresi, ma la nostra buona vena è durata troppo poco, ci siamo nuovamente innervositi. D'ora in poi speriamo di poter vincere tutte le partite in casa e salvarci direttamente. L'importante sarà recuperare le energie mentali e vincere con l'Acquachiara.

Roberto Tofani, all. Florentia: Sono molto contento dell’ottima prova di squadra. Come sempre i ragazzi hanno dato il massimo, ed oggi anche qualcosina in più considerando che più di qualcuno non era ancora al top della condizione fisica. Abbiamo gestito bene tutta la gara sia in attacco, limitando le loro ripartenze, che in difesa. Questa vittoria è molto importante perché ci lasciamo alle spalle Lazio e Posillipo che con la vittoria di oggi accorcia ulteriormente la classifica.

Nella foto
Miro Krstovic, all. Pallanuoto Trieste

24 / 03/ 18

Potrebbero interessarti