Autore

Dopo aver chiuso al primo posto il girone eliminatorio di Europa Cup, Fabio Conti punta alla Final Six in programma a Torino dal 29 al 31 marzo. Quindi ecco un super collegiale in programma dal 14 al 28 marzo al Centro Federale di Ostia, per affinare il Setterosa anche alle nuove regole. Non solo: la novità è Carolina Marcialis, oggi atleta del Rapallo Nuoto, che, dopo il suo rientro in attività, ha dimostrato di essere tornata quel difensore grintoso con il vizio del gol come ai tempi della Diavolina Nervi. Con lei, le giovanissime Giustini (sempre del Rapallo), Cergol (Trieste) e Bettini (del Bogliasco).
 
Lo scorso mese di gennaio avevamo stuzzicato il ct sulla “presunta” convocazione in azzurro della Marcialis (vedere articolo al link ><) . Conti ci rispose:«Dobbiamo incontrarci, parlare e capire quali sono le sue esigenze». L’occasione poteva essere il recupero di campionato fra Rapallo e SIS Roma: Conti era al Poggiolino, ma, a fine gara evitò di parlare con l’atleta visto l’epilogo della partita.

«Un atleta deve essere giudicato e valutato per come gioca – ci ha confermato telefonicamente il ct Conti-. Certamente, come già avevo detto nell’intervista di qualche tempo fa, il mio personalissimo scrupolo sarebbe stato capire se la ragazza fosse in grado di rispondere alla convocazione, in quanto, è cosa nota, ha due bambini. La risposta è stata positiva e quindi è stata convocata».

Superato questo problema, certamente non da poco, come motiva la sua convocazione?
Abbiamo un ampio monitoraggio del campionato, e su come si esprimono le ragazze. In questo collegiale incominceremo a prepararci su una pallanuoto un po' diversa, quella delle nuove regole. Proprio per questi cambiamenti ho bisogno di atlete con determinate attitudini e qualità. La Marcialis ha dimostrato già nel finale dello scorso campionato ed in questa stagione di avere determinate qualità per essere visionata.

La pallanuoto femminile italiana sembra non passare un momento brillante: le gare di coppa possono essere un campanello di allarme?
Credo che siano comunque tutte situazioni giustificabili. Rapallo, al suo primo anno in coppa, ha anche preso un girone abbastanza importante e come prima esperienza, mi passi questa espressione, “si è fatto le ossa”. Catania è stata abbastanza sfortunata a trovare sulla sua strada il Sabadell che punta al titolo e credo sia una formazione decisamente forte. Padova, ha preso un pareggio in Ungheria che mi auguro, vista anche l’esperienza che ha maturato in questi anni, le possa consentire sabato di conquistare il passaggio del turno.  Quindi credo che non tutto sia perduto.

 

 

 

07 / 03/ 19

Potrebbero interessarti