Autore

Jadran Split - Sport Management  12-9

Jadran Split: Anic,Kunac 1, Zovic 1, Krapic 1, Butic, Delic, Power 2, Popovic, Viskovic, Milardovic 1, Setka 4, Kovacic 2, Podrug.
All. Ivan Asic  
Sport Management: Lazovic, Dolce 1, Damonte, Alesiani 1, Fondelli 1, E.Di Somma 2, Drasovic 1, Bruni 2, Mirarchi, Luongo, Casasola, Valentino 1, Nicosia.
All. Marco Baldineti
Arbitri:Radoslaw (POL), Teixido (ESP)
Parziali: 2-0, 3-5, 2-3, 5-1

Non inizia bene il girone di ritorno della Sport Management. Dopo aver battuto alla Manara con un gol al fotofinish gli spalatini, i ragazzi di Baldineti si devono piegare allo Jadran nonostante siano rimasti attaccati al risultato per oltre 25 minuti.

Fino a quel momento infatti non si è vista una vera e propria supremazia di una squadra o dell’altra, i bustocchi dopo aver subito il 2-0 sul finire del primo tempo ribaltano lo score conducendo con il minimo vantaggio per le successive due frazioni fatte di botta e risposta continui.
Gioco molto intenso, arcigno a tratti e pieno di mani addosso, i lombardi rispondono alla veemenza avversaria pur non essendo avvezzi a questo tipo di situazione, la svolta arriva già nel terzo parziale non tanto nel punteggio quanto nel fatto che la panchina italiana è sempre più scarna con le uscite a ripetizione dei suoi. Diventa facile a quel punto per i padroni di casa conservare la freschezza per affondare i colpi decisivi. Arriva infatti la doppietta di Setka e il successivo gol dell’eterno Kunac buoni per il +2, il tempo stringe, dopo Mirarchi, Alesiani e Valentino anche Di Somma raggiunge il limite di falli, la partita ormai si incanala sui binari della vittoria casalinga non senza le proteste per il gioco eccessivamente fisico da parte della Sport Management.
Che subisce anche la beffa negli ultimi secondi, rosso per brutalità sventolato a Bruni quando i giochi sono ormai fatti, il cartellino diventa pesantissimo in chiave futura con la sicura squalifica per il centroboa toscano. Di buono c'è solo il pari casalingo dell'Olimpiacos che rosicchia solo un punto in classifica. Seconda piazza a 4 punti dalle due terze (greci e Szolnoki) con la Mldost quinta a ben 8 lunghezze.

«È stato molto difficile giocare questa partita. Loro sono stati veramente aggressivi e hanno fatto una gara al limite della brutalità in ogni situazione – dichiara a fine gara coach Baldineti - diventa difficile giocare in questo modo. Purtroppo non siamo stati tutelati e così diventa complicato. Ad ogni modo non ci perdiamo d'animo».

 

06 / 02/ 19

Potrebbero interessarti