Autore

AN Brescia – Jug Dubrovnik 12-13

AN Brescia: Del Lungo, Garozzo, C.Presciutti 2, Figlioli 2, Gallo 3, Rizzo 2, Muslim 1, Nora, N. Presciutti 1, Bertoli, Janovic 1, Vukcevic, Morretti.
All. Sandro BovoJug Dubrovnik: Popadic, Macan, Fatovic 5, Loncar 1, Jokovic 3, Garcia Gadea, Lozina, Merkulov 1, Culina, Zuvela, Benic 1, Papanastasiou 2, Vukojevic.
All. Vjekoslav  Kobescak.
Arbitri: Berishvili (GEO), Naumov (RUS).
Parziali: 3-4, 4-4, 2-2, 2-3

Hannover - (ns.inviato)  Determinazione e tenacia. Ancora una volta il Brescia ha messo in mostra le sue doti in questo epilogo di stagione. Sconfitta certamente a a testa alta. Ha lottato con la sua solita forza contro uno Jug che, solo un mese fa, era fra i candidati alla conquista della Champions.
«Anche oggi era difficile trovare motivazioni consistenti – commenta a fine match Sandro Bovo -, ma siamo riusciti a tirar fuori una buona partita. Complessivamente non abbiamo centrato titoli però abbiamo centrato le finali della scena nazionale e la Final Eight, il bilancio non è per niente negativo».        
La grinta non è mancata anche in questa finalina per il quinto posto: la differenza l’ha fatta qualche distrazione difensiva che a due campioni del calibro di Fatovic e Jokovic non si deve assolutamente lasciare. Così quel risicato vantaggio che lo Jug si è conquistato in chiusura di terza frazione alla fine ha colpito a morte i biancoazzurri.    
«Al di là del risultato – dichiara il presidente, Andrea Malchiodi -, sono contento della prestazione fornita in questo ultimo appuntamento stagionale: il valore della posta in palio era abbastanza relativo, però era comunque una passerella con una delle più forti formazioni e ci siamo distinti per impegno e qualità, onorando fino in fondo la principale rassegna della pallanuoto europea. Più in generale, abbiamo disputato un’ottima Final Eight, perdendo di un gol con i finalisti nonché campioni in carica. Le ultime performance sono state le migliori da otto anni a questa parte, esprimendo il giusto mix di qualità ed esperienza; da ora, si comincia a lavorare per la prossima stagione».

 

08 / 06/ 19

Potrebbero interessarti