La Pro Recco debutterà in Champions a  Bergamo. Riprende così quella campagna di propaganda della pallanuoto fortemente voluta da Maurizio Felugo, presidente dei biancocelesti.
Sarà la Piscina dell’Italcementi sabato 19 ottobre alle 20.30 ad ospitare Pro Recco – CN Terrassa, prima partita del girone degli ottavi.

Grande assente Marko Bijac, che a causa di un infortunio rimediato in allenamento (zigomo rotto)non sarà della partita. Sarà coach Rudic a scegliere chi, fra Massaro e Prian, lo dovranno sotituire.

«I tempi sono ristretti, ma è bastata una telefonata con il presidente della Pallanuoto Bergamo, Lele Foresti, per trovare subito un accordo e avviare la macchina organizzativa - spiega il direttore sportivo Arnaldo Deserti -. Sono certo che a Bergamo vivremo una serata dall'atmosfera speciale, la stessa che abbiamo trovato la scorsa stagione a Bologna, Torino e Firenze. La Champions itinerante porta con sé un indiscutibile valore sportivo ed è un veicolo fondamentale per promuovere la pallanuoto, avvicinando nuovi spettatori e appassionando sempre di più i giovani che praticano questo sport. Ringrazio la Pallanuoto Bergamo per la professionalità dimostrata e il gestore dell'impianto che ha dato immediata disponibilità capendo l'importanza di questo evento per la piscina e per tutta la città».

Ma questa prima tappa avrà un sapore un po' particolare proprio per il Presidente della Pro.«In effetti a novembre del 2010 - ci ha confermato Felugo -, giocammo proprio in quella vasca una partita di beneficenza per raccogliere fondi per Tene Ti Ala, l’associazione operativa in Repubblica Centrafricana, da me visitata. E’ una grande emozione tornare in quella piscina sopratutto è un ricordarmi che bisognerebbe fare di più. Certo adesso andiamo per un altro motivo, ma ricordandomi di quell’esperienza mi rendo conto che tornato a casa dall’Africa ho avuto la sensazione di essere un privilegiato per aver dato una piccolo aiuto a chi soffre. Poi preso dagli ingranaggi del quotidiano finisce che dimentichi di dare il tuo contributo per gli altri».

Per l’occasione pubblichiamo alcune foto di quella splendida serata: un ricordo, come ha sottolineato Felugo, che deve spronarci a tendere la mano ai più deboli.

04 / 10/ 19