Si scrive Voltri, si legge Mameli. Già forse alle nuove generazioni di pallanuotisti potrebbe non dire nulla. Ma per chi ha girato la boa del “anta” è senza dubbio una grande sorpresa. Perché se da una parte la storica piscina di Voltri è stata rasa al suolo, e proprio la prossima settimana, chiusi i bandi pubblici, ne verrà assegnata la ricostruzione, dall’altra il “marchio” dell’ASD SS Nicola Mameli, dichiarata fallita nel 2009 e messo all’asta nel 2017, è tornato a vivere.
Il 18 maggio del 2017, presso “Ostaia da ü Santü” in Voltri, i signori Federico Bruzzone, Antonio Campanini, Franco Cucinotta, Andrea De Lucis ,Mauro Fabiano, Carlo Massa, Paolo Palli, Andrea Piccardo, Luigino  Puppo, Lorenzo Repetto, Mirko Staltari, Filippo Tassara, nella loro qualità di “Soci Fondatori”, hanno fatto ricostituito la “nuova” ASD SS Nicola Mameli 1904 ed eletto il nuovo consiglio direttivo.

«La Mameli non è nostra – ci ha dichiarato il Presidente Antonio Campanini – è un patrimonio di Voltri, del quartiere. Abbiamo fatto il primo passo, perché il futuro della Mameli saranno i giovani nuovi dirigenti che ci sostituiranno».
E dal 1904 ad oggi dalla storica vasca voltrese sono passate fior fiore di generazioni, di campioni, sia di pallanuoto che di nuoto. Addirittura nel 1960 da Roma un nazionale di nuoto USA, Jeff Farrell, con due medaglie d’oro al collo,  si spostò a Genova per fermarsi a Voltri dove restò per qualche giorno. Ricordi che affiorano, foto sbiadite dal tempo …. che saranno esposte dal 17 maggio prossimo in un angolo della civica biblioteca “Rossana Benzi” di Voltri come valore aggiunto per la delegazione del comune genovese. I voltresi dovranno essere fieri di questa “rinascita”: la SS Nicola Mameli è stata riconosciuta ed affiliata d’ufficio dalla FIN.
Un segno tangibile in attesa che, si spera entro un anno, con la nuova piscina, riprenda la sua centenaria attività.

13 / 05/ 19