Autore

Apoteosi al Poggiolino di Rapallo. Il Padova batte 7-5 il Catania e si aggiudica il suo terzo scudetto consecutivo e terzo della sua storia.
Il successo delle biancorosse venete arriva al termine di una stagione e di una Final-Six vissuta da protagonista: una sola sconfitta e poi vittorie a ripetizione. Nel frattempo anche trofei come la Coppa Italia ed una Coppa Europea sfiorata. Insomma di tutto e di più per una squadra costruita per vincere che non ha smentito le attese.
Il successo di Barzon e compagne reso difficile dalla nota stonata: quella del decesso, qualche ora prima della finalissima, della signora Ada, mamma del traier del sodalizio veneto, Stefano Posterivo, ma reso difficile anche da un Catania che, approdato in finale, forte del meritato successo centrato il giorno precedente in semifinale, ai danni del Messina, ha lottato sino alla fine nella speranza di tornare a reiscrivere il proprio nome nell’albo d’oro della rassegna.
In vasca tanto equilibrio nei minuti iniziali.
La gara si sblocca grazie a Barzon. Poi arriva il temporaneo pari di Di Mario ed il nuovo vantaggio veneto ad opera di Savioli. Secondo tempo fotocopia. Vanno a segno Millo, Garibotti e Savioli. E’ di Savioli l’unica rete realizzata nel terzo tempo. Ma il meglio sta sempre in fondo. Il quarto tempo è un susseguirsi di emozioni con Laura Barzon che porta a +4 il vantaggio del Padova (6 a 2). La doppietta della Eggens riporta sotto il Catania.
Galardi rimette le cose a posto. Sugli scudi sale anche Laura Teani che para un rigore a Garibotti. Mancano solo due minuti alla fine. C’è tempo per la rete di Tania Di Laura per rendere meno pesante il passivo e per le statistiche.

Plebiscito PD-Orizzonte CT 7-5

Plebiscito PD: Teani, Barzon 2, Ilaria Savioli 2, Gottardo, Martina Savioli 1, Queirolo, Millo 1, Dario, Galardi 1, Robinson, Nencha, Casson, Franceschino. All. Posterivo
Orizzonte CT: Jovetic, Sapienza, Garibotti 1, Eggens 2, Di Mario 2, Grillo, Palmieri, Marletta, Santapaola, Aiello, Riccioli, Lombardo, Schillaci.
All.Miceli
Arbitri: Collantoni, Castagnola
Parziali: 2-1, 2-1, 1-0, 2-3
Note: uscite per limite di falli nel IV tempo I. Savioli (P), Robinson(P), Dario (P). Ammonita per proteste nel III tempo Miceli (all. C). Nel IV tempo Teani(P) para tiro di rigore a Garibotti. Superiorità num. Padova 2/10, Catania 3/11
Spettatori 700 circa. Un minuto di raccoglimento in memoria della signora Ada, madre del tecnico del Padova
Posterivo.

Il Plebiscito Padova campione d'Italia


L'Orizzonte Catania seconda classificata
13 / 05/ 17