Autore


La piscina di Nesima sarà “campo principale” in occasione della 14esima giornata del campionato femminile di A1. Alle 18 di sabato 2 la vasca che sorge nel quartiere di Nesima al confine tra Catania e Misterbianco, aperta nel 1996 e che nel 2016 è stata soggetta ad importanti e necessari lavori di recupero, sarà teatro del confronto più atteso della giornata quello tra le padrone di casa dell’Orizzonte Catania ed il Plebiscito Padova le due squadre italiane più titolate del massimo campionato italiano e le uniche due squadre ancora in corsa nelle coppe europee. Ad arricchire il confronto la presenza in vasca di molte giocatrici che compongono la Nazionale. E non solo di quella azzurra. 

Rapallo e SIS Roma, le altre due principali protagoniste della corsa al primato, saranno impegnate entrambe in trasferta. Le liguri di Luca Antonucci scenderanno in vasca alle 13,45 alla piscina Monte Bianco, ospiti del Css Verona, mentre le capitoline di Marco Capanna faranno visita alle ore 15, alla Cozzi al Nuoto Club Milano.

Nel match in programma a Verona, da un lato ci saranno le padrone di casa, in lizza per un posto in final six, che hanno espugnato la piscina del Milano nell’ultima partita di campionato. Dall’altro il Rapallo, ora terzo in classifica dopo il recupero del big match contro la Roma (andato di misura alle capitoline) ma sotto di una lunghezza rispetto alle giallorosse e con tutta la voglia di incamerare più punti possibile da qui alla fine della regular season. Per le due squadre, obiettivi diversi, ma sguardo comune alla final six che mai come quest’anno si prospetta incerta e avvincente.

Cerca conferme intanto la SIS Roma rilanciata dal successo centrato in occasione del recupero col Rapallo e opposta ad un Milano ancora potenzialmente in grado, nonostante qualche scivolone, ad entrare a far parte anch’esso della partecipanti alla prossima final six.   

E un posto nei play-off è il traguardo che insegue anche la Rari Nantes Florentia impegnata in casa contro l’F&D H2O. Andrea Sellaroli, tecnico delle gigliate non si fida della bugiarda classifica delle laziali «Quella di sabato è una partita più difficile di quello che si possa pensare. Il Velletri è nella zona bassa della classifica, ma ha messo in difficoltà tante big dal Rapallo al Bogliasco, che ha vinto con un goal realizzato a soli 12” dalla fine e pareggiato addirittura con il Verona lanciatissimo alla ricerca di un posto ai playoff. Detto questo non abbiamo alibi, se vogliamo continuare a sognare i playoff abbiamo l’obbligo di giocare per i tre punti, con rispetto ma senza paura». All’andata finì con un 10 a 8 con una Cordovani sopra la media. 

Da seguire, infine, anche Torre del Grifo Bogliasco con le liguri di Mario Sinatra che, archiviata la pesante sconfitta interna contro la capolista Orizzonte di due settimane fa, torneranno in vasca affrontando l'altra compagine del capoluogo etneo. Un impegno di ben altro spessore rispetto a quello che le ha viste opposte alle vicecampionesse d'Italia. Ma credere che basti guardare la graduatoria di A1 per uscire vincitrici dal duello di domani è un errore che le liguri non intendono commettere. 

01 / 03/ 19