Nemmeno il migliore degli alchimisti avrebbe potuto ideare una soluzione simile per la lotta play out.
L’unica certezza è che non sarà giocata da quattro squadre dopo la vittoria della Canottieri nell’ultima partita della giornata contro la Florentia. Risultato senza appelli per i ragazzi di Tofani, comunque salvi dopo la posta piena della Lazio sul Savona, che cercherà il punto della salvezza diretta a Napoli contro i giallorossi sabato prossimo.
E già, perché se è vero che la squadra di Zizza è matematicamente oltre la soglia della partecipazione ai play out (più di 9 punti dalla penultima) è altrettanto vero che con un pari anche i liguri si tirerebbero fuori dai giochi riducendo, a norma di regolamento, a sole due le squadre partecipanti allo spareggio secco, Trieste contro Catania o Bogliasco.
Le quali, ironia della sorte, si trovano a tre punti di distanza e sabato prossimo avranno lo scontro diretto. Un punto basta agli Etnei per volare nella città giuliana tra 2 settimane, il fattore campo (piscina Vassallo) potrebbe risultare determinante.

Che il campionato del centenario dovesse riservare sorprese era stato già detto alla sua vigilia. Certo ci si aspettava altro, ma in mancanza del coup de theatre ci si può tranquillamente consolare guardando la classifica che resta ancora aperta a diversi scenari.
Se la bagarre sul fondo lasca ancora presagire sorprese, anche per i play off c’è ancora da discutere. Fondamentali le vittorie di Quinto e Lazio per tirare un sospiro di sollievo ed alzare lo sguardo verso il sesto posto, la classifica ultracompatta rende indolori le sconfitte di Florentia e Roma, tutte a quattro a pari punti e seste dietro l’Ortigia. Ma se l’ultima partita da giocare contro Recco (Quinto), Brescia (Lazio), Sport Management (Florentia) e Posillipo (Roma), decretasse la vittoria delle meglio piazzate, come possibile del resto, un colpo di reni della Canottieri, a sole 2 lunghezze, spariglierebbe tutto spedendo i giallorossi per il rotto della cuffia a giocare il quarto di finale scudetto.

Fantascienza? Forse, ma dopo tanti anni di noia, non ce ne vogliano le dirette interessate, qualche giorno di suspense per quei pochi irriducibili amanti della pallanuoto rimasti, sono il minimo del ringraziamento per essere ancora lì nonostante tutti i problemi che questo sport manifesta ogni giorno.

Tabellini, commenti e statistiche al link ><

 

11 / 05/ 19