Autore

«Già lo scorso anno avevamo tentato di prendere Cannella dalla Lazio - ci conferma Alessandro Bovo - senza riuscirci. Questa volta però abbiamo fatto centro. Sono contento per lui e per l'altro giovane, Dimitrios Nikolaidis. Due ragazzi che hanno talento, e sopratutto Giacomo, hanno dimostrato di dare del tu al pallone. Sono convinto che non ci deluderanno. Adesso manca ancora qualche piccolo tassello per completare la rosa - conclude il coach dell'AN Brescia - per dare una fisionomia più giovane alla squadra».

Dunque la tenacia del Brescia è stata premiata: gli arrivi di Alesiani, Cannella, Figari e Nikolaidis hannod ecisamente fatto cambiare "faccia" al team lombardo: con le nuove regole la velocità di questi giovani sarà di primaria importanza.
Giacomo Cannella lascia così la Lazio, club dove è nato e dove ha sempre giocato: l'opzione che Sport management aveva con il club capitolino è dunque decaduta in quanto l'atleta è proprietario del cartellino.

«Contento della scelta fatta - ci confida Giacomo Cannella - grande squadra, con ambizioni importanti, e con un grandissimo allenatore. Spero di dare il mio massimo contributo alla squadra, cercando di non deludere le aspettative che hanno posto su di me. Mi resta da dare un solo esame per laurearmi in economia: anche per questo motivo ho deciso che potevo lasciare Roma. Sarà dura, ma poi mi abituerò alle dimensioni "umane" di Brescia».

Dimitrios Nikolaidis arriva dall'Olympiakos: diciannove anni, era il secondo centro del club che lo scorso hanno ha vinto la Champions League.

25 / 06/ 19

Potrebbero interessarti