Autore


Quattro società della Liguria lanciano un appello al Presidente Barelli ed al consiglio federale, per modificare i calendari della serie B maschile.

Sono Chiavari Nuoto, Lerici Sport, US Locatelli Genova e Rapallo PN.

Motivo: l’inserimento delle stesse nel Girone 2, con ben cinque squadre del centro Italia, quindi molto lontano dalla Liguria: CC Lazio WP, Libertas Roma Eur Pallanuoto, Villa York SC, Roma Waterpolo e l'umbra Libertas RN Perugia.
In effetti la formulazione di questo calendario dimostra poca coerenza con i vari appelli che il presidente della FIN, Paolo Barelli, sta lanciando ripetutamente dal sito federale, chiedendo l’intervento specifico del governo per dare supporto alle società.

Ma alla resa dei conti, la FIN si è inventata questa assurdità:da lustri, tale girone è sempre stato considerato “ligure”.
Aumentando sensibilmente il discorso costi: non solo per le liguri, ma anche per le quattro romane e l’unica dell’Umbria.

Forse la cosa è sfuggita al neo responsabile del settore, Fabio Conti, forse è sfuggita al consiglio federale, che ha approvato. Sta di fatto che ben dieci società di B maschile sarebbero costrette, a meno di ripensamenti, ad affrontare costi che rischierebbero di farle “saltare”.

Waterpoloitaly da anni lo ripete: basta improvvisazioni. Se chi è responsabile non si rende conto del particolare momento dettato dalla pandemia, si dimetta. Farebbe solo che bene alla pallanuoto.

In calce la lettera che le società liguri hanno inviato alla FIN

 

08 / 12/ 21