Marco “Gu” Baldineti è il guascone della nostra pallanuoto: giocatore eclettico, difensore roccioso, ha legato i suoi successi alla Pro Recco, in vasca e sulla panchina. Oggi è alla guida della Sport Management, giovane ambiziosa società veneta.

Oggi l’Italia ha disputato la partita più “brutta” del mondiale
Mah, non  direi brutta. Sono mancate le giuste motivazioni che forse il Montenegro aveva. Quando ti vedi escluso direi ingiustamente dalla zona medaglie le finali di consolazione non sono mai facili. Il Montenegro ha rinnovato molto, per loro battere l’Italia era senza dubbio un successo. Io credo che il mondiale degli azzurri sia finito con la sconfitta della Croazia.

La debacle azzurra può essere imputata ai cambiamenti forzati fatti pochi giorni prima del mondiale?
Forse. Premetto: Stefano Tempesti era in vacanza ed è stato richiamato.
Con grande spirito abnegazione è andato subito. Un campione come lui, con la sua storia, il suo passato, il suo presente ha accettato. Non so quanti come lui, lo avrebbero fatto. Con la consapevolezza che dopo la finale del campionato, dopo quella di Champions si era giustamente fermato per riposarsi. Lui ha accettato. Ha dimostrato anche in questo di essere un campione. Onore a lui ed a quello che ha fatto. Però chiaramente non era il portiere titolare, non era nei meccanismi della difesa, non giocava con loro da tempo. L’assenza di Gallo credo abbia pesato: è uno dei mancini migliori al mondo, ha ormai un’esperienza internazionale comprovata. Così come sono mancati i guizzi del pur giovane Velotto. Purtroppo metti insieme tutti questi fattori ed alla fine paghi dazio.

Il Settebello ha ancora margini di miglioramento?
A me è piaciuto tanto. Lasciamo stare la partita di oggi, ma contro Croazia e Ungheria ha giocato belle partite. Chiaro non ci si aspettava una Croazia così determinata e forte che stasera darà filo da torcere all’Ungheria.
Ha fatto bene, bene allenata, ha un tecnico che reputo il migliore al mondo. Serbia, Ungheria, Croazia ed Italia sono le quattro squadre sul tetto del mondo. Stavolta è andata male. Può succedere

Cosa ne pensa della sconfitta della Serbia?
Ogni partita ha la sua storia. Credo che sia ancora oggi più forte della Croazia. Hanno ancora qualche problemino legato alla fase difensiva. Quando stanno bene non prendono mai tanti gol. I croati hanno giocato con calma, senza ccelerare, ragionando. E se vogliamo anche con l’Italia hanno adottato la stessa tecnica.

Che impressione le ha fatto la Grecia?
Buona squadra, che gioca una pallanuoto intelligente rapportata ai suoi mezzi. Ha buone doti tecniche ma non fisiche e suppliscono a questa carenza con intelligenza. Ho avuto la sensazione che gli arbitraggi nelle ultime partite sono leggermente cambiati, perchè proprio la Grecia contro l’Ungheria ha patito il gioco pesante dei magiari. Basta vederli fuori dalla vasca: ellenici persone abbastanza normali, magiari dei veri e propri colossi che hanno picchiato per tutta la partita.

 

29 / 07/ 17