Autore

È scontro al vertice: Sport Management-Brescia vale già una fetta di campionato. Abbiamo anticipato il confronto con i due allenatori.

Chi è l'anti-Recco?

Sandro Bovo: non lo so. Noi in questi ultimi anni abbiamo dato un pò di sapore al campionato perchè puntiamo sempre a vincerlo. Quest'anno il livello mi sembra migliore: Sport Management per esempio ha investito molto, ha una bella squadra. Noi è chiaro vogliamo vincere e confidiamo in questa formula che può sovvertire ogni pronostico.

Gu Baldineti: senza dubbio il Brescia. Sono lì da anni, hanno un ottimo organico, hanno esperienza, e conoscenza di come si deve vivere ai piani alti dopo dieci anni di finali.

Per un giorno il "furto" di giocatori è libero: chi porta via al suo collega antagonista?

Sandro Bovo: Cristiano Mirarchi. E' un giovane molto interessante che ha ampie prospettive di crescita. Dopo la gavetta a Roma è approdato in una grande società.

Gu Baldineti: Cristian Presciutti. L'ho allenato, lo conosco bene. E’ uno dei pochi giocatori italiani che sanno giocare a pallanuoto.

Definisca il gioco che esprime la sua prossima avversaria...

Sandro Bovo: le scelte tattiche cambiano di gara in gara. Ma direi che esprime comunque il suo mister: Gu quando giocava era aggressivo, grintoso, non mollava mai.

Gu Baldineti: hanno un gioco collaudato e hanno cambiato poco. Hanno giocatori di alto livello. Sanno sfruttare sempre le occasioni e giocano molto attenti in difesa. Davanti sono temibili, colgono sempre al volo gli errori degli avversari.

E quello che cerca di adottare lei?

Sandro Bovo: la Sport Management è oggi una squadra completa. Noi dobbiamo pensare a fare il nostro gioco perchè loro non hanno punti particolari dove poter incidere: difendono, partono in controfuga. Noi dobbiamo fare quello che sappiamo fare.

Gu Baldineti: dobbiamo cercare di migliorare sensibilmente l’uomo in meno per fermare i loro giocatori sui pali. Hanno dei buoni polivalenti interscambiabili. Hanno il doppio centro. Noi dovremmo essere attenti e bravi a difendere e ripartire.

L'inizio campionato in poche righe: dica tutto quello che pensa senza diplomazia.

Sandro Bovo: questa formula potrebbe dare più interesse al campionato perchè le finaliste con una gara secca rischiano. In sole quattro giornate, anche se è difficile esprimere un giudizio, si sono già delineate testa e coda. Squadre che faticano ma che hanno comunque entusiasmo: basta vedere Torino. Di buon auspicio anche la crescita di Trieste. Il risvolto viene da vasche semideserte, luci che sparano nelle telecamere, situazioni controproducenti alla divulgazione di questo sport.

Gu Baldineti: siamo diventati uno sport marginale. Lo streaming funziona ma per pochi: avrebbe dovuto essere abbinato alla Rai che è stata una perdita perdita. Le società dovrebbero trovare spunti per pubblicizzare le partite. Perchè se continua così si parlerà di pallanuoto solo per le Olimpiadi. Finchè dura.

 

11 / 11/ 16