Un esempio su come si fa e come dovrebbe essere: Attila Vari, due ori olimpici, un campione a tutto tondo, uno che da del “tu” alla pallanuoto, è stato riconfermato alla guida della MVLSZ, la federazione pallanuoto ungherese.
Suoi vice Norbert Madaras e Tamas Molnar: non sono le solite cariatidi che si vedono in giro per l’Europa, ma persone altamente qualificate per condurre una federazione che vuole soltanto crescere.

Nel consiglio tanti nomi “sconosciuti”: Peter Biros, Tamas Boros, Tamas Dala, Tamas Farago, Istvan Gergely, Tamas Hoffmann, Istvan Kovacs, Gergely Lukacs, Jozsef Magyar, Zoltan Nyiri, Bulcsu Szakely, Sandor Toth. Tutti ex giocatori di altissimo livello.

Un esempio che dovrebbe imitare la nostra federnuoto, che, dal 2000 ha al timone il sessantaseienne Paolo Barelli, mentre nel consiglio federale solo due ex atleti: Teresa Frassinetti e Francesco Postiglione. (fonte Totalwaterpolo)

24 / 07/ 20