Non solo in Liguria i “tetti” delle piscine crollano, adesso anche il Montenegro sembra essere stato contagiato.
Mentre gli “Ajkula” sono impegnati nel torneo Olimpico a Tokyo, dalla madre patria arrivano brutte notizie per gli appassionati di pallanuoto. Notizia diffusa dal magazine croato Total-waterpolo.com.
La piscina coperta di Herceg Novi, dove si allena e gioca le partite del campionato lo Jadran, è stata temporaneamente chiusa. Il tetto è crollato perché la trave portante si è rotta. È successo intorno alle 2 di stamattina. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Il tetto ha iniziato a crollare ieri pomeriggio e i dipendenti hanno chiuso la piscina, che fa parte dell'hotel e del centro medico “Dr. Simo Milosevic”.
Dopo questo crollo, dovrà essere demolita la restante parte di tetto per poi ricostruitlo ex novo. Secondo una rapida e ufficiosa valutazione della situazione, la ricostruzione costerà un milione di euro. Il centro “Dott. Simo Milosevic” non ha fondi per un progetto così costoso. Jadran gioca e si allena in una piscina all'aperto nei mesi estivi. Quella piscina è stata costruita qualche anno fa,
Se il problema con il tetto non viene risolto prima dell'inverno, lo Jadran dovrà probabilmente trasferirsi in un'altra piscina fino alla conclusione dei lavori.
Già qualche anno fa, quando la piscina di Herceg Novi è stata chiusa, lo Jadran si è allenato e giocato a Niksic. Un'altra soluzione è un’altra piscina a Budva. Anche la nazionale del Montenegro si è preparata in questo impianto molte volte negli ultimi anni.

29 / 07/ 21