In attesa di scoprire quale sarà il format della prossima A2 maschile (secondo le prime indiscrezioni pare che la Fin sia intenzionata a tornare alla tradizionale formula dei due gironi da 12 squadre, evitando i 4 mini raggruppamenti da 6 dell'ultima stagione), quel che è certa è la massiccia presenza di formazioni liguri: ben 8.
Il ripescato Sori e la neopromossa Imperia si aggiungono infatti ad Arenzano, Bogliasco, Crocera, Sturla, Camogli e Lavagna.

Non nascondono le proprie ambizioni Bogliasco e Camogli. Il Bogliasco di Daniele Magalotti, dopo aver sfiorato la promozione meno di due mesi fa, ha messo a segno un poker di acquisti di tutto rispetto, a cominciare dall'attaccante Filippo Gavazzi (dall'Iren Quinto di A1), passando dai fratelli Alessandro (attaccante, dalla Metanopoli, sempre di A1) e Francesco (difensore, dal Quinto) Brambilla, per chiudere con un nuovo mancino, Thomas Tabbiani (dall'Anzio, neopromosso in A1), che sul lato "cattivo" colmerà il vuoto lasciato da Edoardo Manzi, passato all'ambiziosa De Akker Bologna.

Il Camogli di Angelo Temellini ha puntellato l'organico inserendo due giocatori provenienti dalla Metanopoli, ovvero il difensore Matteo Monari e il centroboa Giovanni Bianco, che completeranno un roster già molto collaudato, che ormai da anni compete per le posizioni di vertice.

Nuovo allenatore per lo Sturla, dove Fabio Gambacorta, che era sulla panchina della Metanopoli, ha preso il posto di Piero Ivaldi. Gambacorta non allenerà solo la prima squadra, ma coordinerà anche i tecnici del settore giovanile, guardando con attenzione al percorso che i ragazzi iniziano a intraprendere sin dalla scuola pallanuoto biancoverde.Per lo Sturla anche la partnership con un nuovo sponsor, Telemedico.

La Crocera, che sarà sempre allenata da Francesco Campanini, ha un nuovo mancino, Giorgio Cotella, ex Lavagna, e proveniente proprio dallo Sturla, mentre Marco Giordano è passato al Sori; il centroboa Ercolani, di origini pescaresi, si avvicinerà a casa, trasferendosi all'Ancona; il resto della squadra dovrebbe essere confermato.

Pronto a puntare sulla stessa ossatura di squadra anche l'Arenzano di Alexandar Patchaliev che, dopo aver festeggiato la salvezza, proverà comunque a inserire qualche giovane, magari collaborando da vicino con il Savona di A1.

Non mancano le novità a Sori, una volta che la compagine granata è stata ripescata dopo la retrocessione ai playout, persi proprio contro l'Arenzano. Il nuovo tecnico è Guido Ferreccio, che sostituisce Mattia De Ferrari. In arrivo Marco Mugnaini dal Quinto e Marco Giordano dalla Crocera, oltre ai giovani Emanuele Cocchiere dal Camogli e i fratelli Giovanni e Giosuè Congiu, rispettivamente dal Bogliasco e dalle giovanili dello stesso Sori; in uscita invece Daniele Elefante (al Lavagna), Valerio Benvenuto, Mimmo Digiesi, Thomas Ninfo e Paolo Polipodio. Il Lavagna di Andrea Martini ha ingaggiato proprio Elefante dal Sori, oltre a ritrovare una pedina preziosa come Federico Cimarosti, reduce da un'esperienza in A1 con la Metanopoli, ma perde Alessandro Casazza, costretto a lasciare per impegni di lavoro.
(1-da Il Secolo XIX)

Nella foto
Massimo Bozzo Presidente del Camogli

 

30 / 08/ 21